§ 1.4.228 - Decreto Presidenziale 12 febbraio 2019, n. 4.
Regolamento attuativo dell'articolo 3, commi 6 e 7, della legge regionale 8 maggio 2018, n. 8, istitutivo dell'Autorità di bacino [...]


Settore:Codici regionali
Regione:Sicilia
Materia:1. assetto istituzionale e organi statutari
Capitolo:1.4 personale e organizzazione degli uffici
Data:12/02/2019
Numero:4


Sommario
Art. 1.  Finalità e oggetto.
Art. 2.  Struttura organizzativa.
Art. 3.  Dotazione organica.
Art. 4.  Segretario generale.
Art. 5.  Assegnazione del personale.
Art. 6.  Dotazioni strumentali.
Art. 7.  Funzioni di polizia idraulica.
Art. 8.  Organizzazione del Servizio di polizia idraulica.
Art. 9.  Disposizioni transitorie.
Art. 10.  Modifiche ed integrazioni al Decreto Presidenziale 14 giugno 2016, n. 12.
Art. 11.  Entrata in vigore.


§ 1.4.228 - Decreto Presidenziale 12 febbraio 2019, n. 4.

Regolamento attuativo dell'articolo 3, commi 6 e 7, della legge regionale 8 maggio 2018, n. 8, istitutivo dell'Autorità di bacino del distretto idrografico della Sicilia.

(G.U.R. 19 aprile 2019, n. 17, S.O.)

 

IL PRESIDENTE DELLA REGIONE

Visto lo Statuto della Regione;

Viste la legge regionale 29 dicembre 1962, n. 28 e la legge regionale 10 aprile 1978, n. 2 e successive modifiche ed integrazioni;

Visto il D.Lgs.P.Reg. 28 febbraio 1979, n. 70, che approva il testo unico delle leggi sull'ordinamento del Governo e dell'Amministrazione regionale;

Vista la legge regionale 15 maggio 2000, n. 10 e successive modifiche ed integrazioni;

Vista la legge regionale 16 dicembre 2008, n. 19;

Visto il Decreto Presidenziale 18 gennaio 2013, n. 6, recante "Regolamento di attuazione del Titolo II della legge regionale 16 dicembre 2008, n. 19. Rimodulazione degli assetti organizzativi dei Dipartimenti regionali di cui al Decreto Presidenziale 5 dicembre 2009, n. 12, e successive modifiche ed integrazioni";

Visto il Decreto Presidenziale 14 giugno 2016, n. 12, recante "Regolamento di attuazione del Titolo II della legge regionale 16 dicembre 2008, n. 19. Rimodulazione degli assetti organizzativi dei Dipartimenti regionali di cui all'art. 49, comma 1, della legge regionale 7 maggio 2015, n. 9. Modifica del Decreto Presidenziale 18 gennaio 2013, n. 6 e successive modifiche ed integrazioni";

Vista la direttiva 2000/60/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 23 ottobre 2000, che istituisce un quadro per l'azione comunitaria in materia di acque;

Vista la direttiva 2007/60/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 23 ottobre 2007, relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni;

Visto il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e s.m.i., "Norme in materia ambientale" e, in particolare, la parte terza del medesimo, recante "Norme in materia di difesa del suolo e lotta alla desertificazione, di tutela delle acque dall'inquinamento e di gestione delle risorse idriche";

Visto in particolare l'articolo 63 del citato decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, come sostituito dall'art. 51, comma 2, della legge 28 dicembre 2015, n. 221, rubricato "Autorità di bacino distrettuale";

Visto l'articolo 3 della legge regionale 8 maggio 2018, n. 8, rubricato "Istituzione dell'Autorità di bacino del distretto idrografico della Sicilia";

Visto il comma 6 del citato articolo 3, ai sensi del quale: "Con decreto del Presidente della Regione, da emanarsi entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, previa delibera della Giunta regionale e sentita la competente Commissione legislativa dell'Assemblea regionale siciliana, sono emanate le disposizioni applicative ai sensi e per gli effetti del comma 7";

Visto il comma 7 del citato articolo 3, ai sensi del quale "il decreto di cui al comma 6 disciplina l'attribuzione e il trasferimento all'Autorità di bacino delle necessarie risorse umane e strumentali, ivi comprese le sedi e l'eventuale articolazione territoriale a livello regionale" e prevede, inoltre, "l'organizzazione e il funzionamento del servizio di Polizia idraulica di cui al regio decreto 25 luglio 1904, n. 523";

Vista la D.G.R. n. 271 del 25 luglio 2018, recante: "Articolo 3, comma 8, della legge regionale 8 maggio 2018, n. 8. Istituzione dell'Autorità di bacino del distretto idrografico della Sicilia. Disciplina transitoria. Atto di indirizzo";

Vista la deliberazione n. 428 del 5 novembre 2018 con la quale la Giunta regionale ha apprezzato lo schema di "Regolamento attuativo dell'articolo 3, commi 6 e 7, della legge regionale 8 maggio 2018, n. 8, istitutivo dell'Autorità di bacino del distretto idrografico della Sicilia";

Udito il parere reso dalla IV Commissione legislativa dell'Assemblea regionale siciliana nella seduta n. 64 del 21 novembre 2018;

Udito il parere n. 223/2018 reso dal Consiglio di giustizia amministrativa per la Regione siciliana, Sezione consultiva, nell'adunanza del 15 gennaio 2019;

Vista la D.G.R. n. 58 del 4 febbraio 2019;

emana

Il seguente regolamento:

 

Art. 1. Finalità e oggetto.

1. Al fine di garantire un più efficiente esercizio delle funzioni dell'Autorità di bacino, il presente regolamento, adottato ai sensi dell'articolo 3, commi 6 e 7, della legge regionale 8 maggio 2018, n. 8, rubricato "Istituzione dell'Autorità di bacino del distretto idrografico della Sicilia", di seguito "Autorità di bacino", disciplina l'attribuzione ed il trasferimento all'Autorità medesima delle necessarie risorse umane e strumentali nonché l'organizzazione ed il funzionamento del servizio di Polizia idraulica di cui al regio decreto 25 luglio 1904, n. 523.

 

CAPO I

Risorse umane e strumentali

 

     Art. 2. Struttura organizzativa.

1. L'Autorità di bacino, istituita dall'articolo 3, comma 2, della legge regionale 8 maggio 2018, n. 8 come Dipartimento regionale incardinato presso la Presidenza della Regione, è costituita da una struttura centrale con sede a Palermo presso la Presidenza della Regione e da una struttura territoriale decentrata con sede a Catania presso la Presidenza della Regione.

2. La struttura organizzativa dell'Autorità di bacino è determinata in:

- n. 2 aree;

- n. 5 servizi;

- n. 9 unità operative di base.

3. Funzioni e compiti delle superiori strutture sono individuati nell'Allegato A al presente regolamento, del quale costituisce parte integrante.

 

     Art. 3. Dotazione organica.

1. L'Autorità di bacino, in quanto Dipartimento regionale, si avvale di personale in servizio presso l'Amministrazione regionale, senza oneri economici aggiuntivi per la stessa Amministrazione, che sarà assegnato alla medesima secondo le ordinarie procedure disciplinate dai contratti collettivi regionali di lavoro del personale con qualifica dirigenziale e del personale del comparto non dirigenziale.

2. Con riferimento alla struttura organizzativa di cui al precedente articolo 2, in sede di prima applicazione, la dotazione organica dell'Autorità di bacino è la seguente:

- n. 16 unità con qualifica dirigenziale, oltre il Segretario generale;

- n. 35 unità con qualifica di funzionario;

- n. 35 unità con qualifica di istruttore;

- n. 20 unità con qualifica di collaboratore.

3. Tale dotazione organica iniziale potrà essere successivamente rimodulata secondo le ordinarie procedure.

 

     Art. 4. Segretario generale.

1. Il Segretario generale dell'Autorità di bacino, il cui incarico, ai sensi dell'articolo 3, comma 3, della legge regionale 8 maggio 2018, n. 8, ha durata quinquennale, è nominato, per effetto del combinato disposto dell'articolo 9 della legge regionale 15 maggio 2000, n. 10 e dell'articolo 11 della legge regionale 3 dicembre 2003, n. 20, con decreto del Presidente della Regione, previa delibera della Giunta regionale, su proposta del Presidente della Regione, contestualmente all'entrata in vigore del presente regolamento.

2. Il Segretario generale dell'Autorità di bacino avvia con immediatezza le procedure necessarie per assicurare la tempestiva organizzazione e la piena funzionalità delle strutture organizzative dell'Autorità.

 

     Art. 5. Assegnazione del personale.

1. Al fine di assicurare l'acquisizione delle risorse umane, come determinate nel precedente articolo 3, il Segretario generale, d'intesa con il dirigente generale del Dipartimento regionale della funzione pubblica e del personale, assicura l'immediato espletamento delle procedure necessarie per il reclutamento del personale.

2. In sede di prima applicazione, al fine di non pregiudicare la continuità e l'efficacia dell'azione amministrativa, il Dipartimento regionale della funzione pubblica e del personale dispone l'assegnazione all'Autorità di bacino delle unità di personale con qualifica non dirigenziale in servizio, alla data di entrata in vigore della legge regionale 8 maggio 2018, n. 8, presso le strutture Dipartimentali le cui competenze sono transitate alla medesima Autorità, impegnate, anche a titolo non esclusivo, nello svolgimento di funzioni e compiti relativi alle competenze cedute.

3. Il personale con qualifica dirigenziale sarà individuato dal Segretario generale dell'Autorità di bacino secondo le ordinarie procedure di reclutamento. Nella scelta sarà data priorità ai dirigenti con esperienza già maturata nelle materie di competenza dell'Autorità medesima.

4. Le superiori procedure dovranno, comunque, concludersi entro 45 giorni dall'entrata in vigore del presente regolamento.

 

     Art. 6. Dotazioni strumentali.

1. L'Autorità di bacino ha la sede centrale a Palermo, presso i locali della Presidenza della Regione, e una sede periferica a Catania presso i locali della Presidenza della Regione.

2. Per l'esercizio delle relative competenze, in sede di prima applicazione, sono assegnati all'Autorità di bacino i beni mobili e le attrezzature di proprietà dell'Amministrazione regionale, in dotazione, alla data di entrata in vigore della legge regionale 8 maggio 2018, n. 8, alle strutture dipartimentali che esercitavano le funzioni e i compiti trasferiti alla medesima Autorità.

 

CAPO II

Servizio di polizia idraulica

 

     Art. 7. Funzioni di polizia idraulica.

1. L'Autorità di bacino espleta le attività di polizia idraulica nel rispetto delle disposizioni del Regio decreto 25 luglio 1904, n. 523 e della vigente legislazione comunitaria, statale e regionale in materia di tutela delle risorse idriche e di difesa del suolo.

2. Per attività di polizia idraulica si intende quel complesso di attività amministrative e tecniche dirette alla gestione delle acque pubbliche, al controllo degli interventi di gestione e trasformazione del demanio idrico nonché al controllo ed alla sorveglianza dei fiumi e dei torrenti al fine di mantenere e migliorare il regime idraulico secondo la vigente normativa di settore.

3. Rientrano tra le attività del servizio di polizia idraulica:

a) il rilascio di autorizzazioni, nulla osta o pareri per opere ed interventi relativi ad aree appartenenti al demanio idrico;

b) il rilascio di concessioni per l'utilizzo e l'occupazione dei beni del demanio idrico;

c) il rilascio di nulla osta idraulici e pareri relativi ad opere ed interventi nella fascia di rispetto dei corsi d'acqua;

d) la verifica del rispetto delle concessioni ed autorizzazioni assentite ai sensi del Capo VII del Regio decreto n. 523/1904;

e) la verifica del rispetto delle prescrizioni e delle direttive emanate dall'Autorità di bacino;

f) l'attività di vigilanza e controllo sugli interventi di gestione;

g) l'attività di sorveglianza e ricognizione lungo i corsi d'acqua e le relative pertinenze;

h) la custodia degli argini dei fiumi e dei torrenti la cui conservazione è ritenuta rilevante per la tutela della pubblica incolumità;

i) la proposta di interventi di ordinaria e straordinaria manutenzione;

l) la verifica, con gli enti preposti, dello stato della vegetazione esistente nell'alveo e nelle sponde, al fine di programmare, in riferimento allo stato vegetativo, alle capacità di resistere all'onda di piena ed alla sezione idraulica del corso d'acqua, il taglio e la manutenzione di quelle piante che possono arrecare danno al regolare deflusso delle acque ed alla stabilità delle sponde;

m) la rilevazione di violazioni di leggi.

4. L'Autorità di bacino, entro 60 giorni dall'entrata in vigore del presente regolamento, provvede ad adottare, previa approvazione della Giunta regionale, apposite direttive applicative nonché apposite linee guida con le quali, con riferimento al servizio di polizia idraulica, individuare i criteri, gli indirizzi ed i principi generali che regolano l'espletamento della relativa attività, le tipologie di interventi ed opere soggetti al rilascio di concessioni di polizia idraulica, di autorizzazioni, di autorizzazioni provvisorie, di nulla osta idraulici e di pareri nonché le procedure per il rilascio degli stessi. Le medesime linee guida esplicano, altresì, le ipotesi di revoca e di decadenza.

 

     Art. 8. Organizzazione del Servizio di polizia idraulica.

1. L'Autorità di bacino svolge l'attività di polizia idraulica tramite il proprio Servizio 4 - "Demanio idrico fluviale e Polizia idraulica" di cui all'Allegato A.

2. In fase di prima applicazione, per un periodo di 18 mesi, e comunque fino all'adozione della definitiva organizzazione del servizio di polizia idraulica ai sensi del comma 5 del presente articolo, a tutela del prevalente interesse pubblico e al fine di non recare pregiudizio al regolare svolgimento delle attività di cui al superiore articolo 7, l'Autorità di bacino si avvale del supporto di tutti gli uffici regionali che, a diverso titolo, sino alla data di entrata in vigore del presente regolamento, hanno esercitato competenze nel settore idrogeologico. A tal fine saranno stipulati appositi accordi o convenzioni interdipartimentali o interassessoriali.

3. L'Autorità di bacino, per l'espletamento delle superiori funzioni, si avvale, in particolare, degli Uffici del Genio civile territorialmente competenti, nonché dei competenti uffici periferici del Dipartimento regionale dell'ambiente, del Comando del Corpo forestale della Regione siciliana e del Dipartimento regionale dello sviluppo rurale e territoriale.

4. L'Autorità di bacino può, altresì, stipulare convenzioni con altre Amministrazioni preposte alla tutela, al controllo e alla salvaguardia del territorio.

5. Entro il termine di cui al comma 2 del presente articolo il Segretario generale dell'Autorità di bacino, previa deliberazione della Conferenza istituzionale permanente, dovrà sottoporre alla Giunta regionale una proposta di definitiva organizzazione del servizio di polizia idraulica.

 

CAPO III

Norme finali e transitorie

 

     Art. 9. Disposizioni transitorie.

1. Nelle more della definizione delle procedure di assegnazione del personale di cui all'articolo 5 del presente regolamento e della stipula degli accordi interdipartimentali ed interassessoriali di cui all'articolo 8, al fine di non pregiudicare il regolare espletamento delle funzioni dell'Autorità di bacino, a tutela dell'interesse pubblico generale, per un periodo comunque non superiore a 90 giorni, continuano a trovare applicazione le disposizioni transitorie di cui all'atto di indirizzo approvato dalla Giunta regionale di Governo con deliberazione n. 271 del 25 luglio 2018.

2. Definite le attività di cui all'articolo 5, il Segretario generale dell'Autorità di bacino e i Dirigenti generali dei Dipartimenti regionali che cedono competenze alla medesima Autorità assicurano il tempestivo passaggio delle consegne, provvedendo al trasferimento del materiale di archivio nonché di tutta la documentazione inerente a funzioni e compiti ceduti. A tal fine possono delegare, in ragione dei rispettivi ambiti di competenza, i dirigenti preposti alle relative strutture intermedie. Nel passaggio delle consegne sarà data assoluta priorità ai procedimenti ancora in corso, per i quali dovranno essere evidenziati dalla struttura cedente, nell'ambito del verbale di consegna, lo stato delle relative pratiche ed i termini perentori in procinto di scadenza, l'entità dell'eventuale ritardo nella conclusione dei procedimenti nonché ogni ulteriore dato o informazione necessari o utili a garantire la continuità, l'efficienza e l'efficacia dell'azione amministrativa.

3. Nell'ambito del passaggio delle consegne, viene, altresì, assicurato il trasferimento dei beni mobili e delle attrezzature di cui all'articolo 6, comma 2, del presente regolamento.

 

     Art. 10. Modifiche ed integrazioni al Decreto Presidenziale 14 giugno 2016, n. 12.

1. Al presente regolamento sono allegati i funzionigrammi del Dipartimento regionale dello sviluppo rurale e territoriale (Allegato B), del Dipartimento regionale dell'acqua e dei rifiuti (Allegato C) e del Dipartimento regionale dell'ambiente (Allegato D), come risultanti a seguito del trasferimento delle competenze dai superiori Dipartimenti all'Autorità di bacino.

2. Al presente regolamento è, altresì, allegata la nuova Tabella numerica riepilogativa dei Dipartimenti regionali (Allegato E).

3. Nelle more della riorganizzazione generale dell'apparato amministrativo regionale in applicazione dell'articolo 13, comma 3, della legge regionale 17 marzo 2016, n. 3, in corso di definizione, i funzionigrammi di cui agli Allegati B, C e D sostituiscono i corrispondenti funzionigrammi allegati al Decreto Presidenziale 14 giugno 2016, n. 12 e la Tabella numerica riepilogativa di cui all'Allegato E sostituisce quella allegata al Decreto Presidenziale 14 giugno 2016, n. 12.

4. Il funzionigramma del Dipartimento regionale Autorità di bacino, di cui all'Allegato A al presente regolamento, è inserito nell'allegato al Decreto Presidenziale 14 giugno 2016, n. 12, nella rubrica "Presidenza della Regione", dopo il funzionigramma del Dipartimento regionale degli affari extraregionali.

 

     Art. 11. Entrata in vigore.

1. Il presente regolamento sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana ed entrerà in vigore il quindicesimo giorno successivo a quello della sua pubblicazione.

 

Allegato A

Dipartimento autorità di bacino

UNITÀ OPERATIVA DI STAFF 1 - SEGRETERIA DEL DIPARTIMENTO

Segreteria del Segretario Generale.

Supporto al Segretario Generale nelle funzioni demandate da leggi e regolamenti, nella gestione dei rapporti con la Conferenza Istituzionale Permanente e per il funzionamento della Conferenza operativa;

Segreteria Comitato tecnico scientifico;

Predisposizione atti di indirizzo e di coordinamento interno del Segretario generale.

Registro pareri; raccolta decreti e circolari. Smistamento corrispondenza alle strutture intermedie.

Coordinamento attività ed acquisizione degli elementi di risposta all'attività ispettiva parlamentare (interrogazioni, interpellanze ecc.).

Rapporti e collegamento con U.E., MATTM e altri Ministeri, organismi nazionali e regionali, Presidenza Regione e Assessorati regionali ed Enti Locali su materie di interesse generale e comune.

Referente Conferenza Stato Regioni.

Funzionigramma e organigramma

UNITÀ OPERATIVA DI STAFF 2 - MONITORAGGIO E CONTROLLO FONDI COMUNITARI, NAZIONALI E REGIONALI

Cura i rapporti con l'AcAdG per tutti i piani e i programmi di cui è competente ratione materiae il Centro di Responsabilità;

Cura i Rapporti con l'Autorità di Certificazione dei programmi cofinanziati dalla Commissione Europea (AdC);

Si interfaccia con l'Ufficio Speciale Autorità di Audit dei programmi finanziati dalla Commissione Europea (AdA) in occasione delle verifiche di sistema e delle verifiche sulle operazioni;

Redige le Piste di Controllo per le azioni di competenza del Dipartimento e la predisposizione del decreto di adozione/approvazione delle stesse;

Effettua le opportune verifiche di completezza, coerenza, congruenza ed ammissibilità e valida bimestralmente sul sistema informatico locale i dati di monitoraggio procedurale, fisico e finanziario sulla base delle informazioni inserite a livello di U.C.O., rendendole disponibili all'AcAdG;

Fornisce all'AdC e all'AcAdG le previsioni di spesa raccolte dagli U.C.O. per ciascuna procedura di competenza, articolata per i Programmi Operativi in procedura, Azione, Obiettivo Tematico;

Per i Programmi Operativi fornisce all'AdC e all'AcAdG le informazioni raccolte dagli U.C.O. secondo quanto richiesto dall'art. 112 del Reg. (UE) 1303/2013 e s.m.i. per ciascuna procedura di competenza, articolate per procedura, azione, obiettivo tematico;

Effettua i controlli di primo livello ai sensi dell'art. 125 del Reg. (UE) 1303/2013 e s.m.i., comprovati dalla redazione delle apposite check list ed in particolare effettua le verifiche sulle procedure di selezione attivate; effettua le verifiche documentali sulle domande di rimborso, definisce il piano per le verifiche in loco; effettua i controlli in loco sulle operazioni campionate; alimenta il sistema informativo Caronte con gli esiti delle verifiche effettuate;

Sulla base dei controlli effettuati (documentali ed in loco), valida le spese ammissibili alla certificazione e predispone l'attestazione di spesa da sottoporre alla firma del Dirigente Generale del Centro di Responsabilità per il successivo inoltro all'AdC;

Accerta periodicamente, attraverso le check list sulla qualità delle attività di controllo di primo livello, l'adeguatezza degli standard qualitativi adottati per i controlli;

Elabora le comunicazioni OLAF attraverso il sistema IMS, nonché quelle relative ai progetti sospesi trasmettendole all'AcAdG per il seguito di competenza;

Per i Programmi Operativi fornisce, per quanto di competenza, le informazioni necessarie all'AcAdG per predisporre la dichiarazione di affidabilità di gestione e il riepilogo annuale previsti dall'art. 125, paragrafo 4, lett. e) del Reg. (UE) 1303/2013 e s.m.i.;

Redige le Piste di Controllo per le azioni di competenza del Dipartimento/Centro di Responsabilità e predispone i decreti di approvazione delle piste di controllo stesse;

Svolge altresì le attività sopra descritte, ove pertinenti, ai fini del Monitoraggio e controllo dei Fondi FSC 2014/2020;

Monitoraggio degli AAPQ di competenza del Dipartimento;

Gestione del sistema informativo Caronte e Monit.

UNITÀ OPERATIVA DI STAFF 3 - CONTROLLI INTERNI DI GESTIONE

Controlli interni di gestione;

Snellimento procedimenti amministrativi;

Referente interno per l'attuazione del P.T.P.C.T. ex L. n. 190/2012, D.Lgs. n. 33/2013 e D.Lgs. 39/2013. Supporto al Segretario Generale n.q di Referente per l'anticorruzione;

Applicazione dell'art. 10 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, avente per oggetto: "Trasparenza delle Amministrazioni Pubbliche";

Contrattualizzazione dei dirigenti (atti di interpello e contratti individuali)

Predisposizione atti per l'assegnazione degli obiettivi e la valutazione del personale con incarico dirigenziale.

AREA 1 - AFFARI GENERALI

Atti e adempimenti relativi alla logistica del Dipartimento;

Organizzazione e gestione del personale e delle risorse umane del Dipartimento e adempimenti connessi;

Gestione del fondo di amministrazione per il miglioramento delle prestazioni, piani di lavoro per il personale del comparto non dirigenziale e progetti obiettivo;

Rilevazione automatizzata delle presenze;

Istruttoria per la liquidazione delle spese relative ad indennità mensa e prestazioni di lavoro straordinario;

Istruttoria e liquidazione delle spese di missione del personale in servizio presso il Dipartimento;

Predisposizione delle autorizzazioni relative ad incarichi esterni;

Referente formativo del Dipartimento. Rilevazione, programmazione, gestione, monitoraggio e coordinamento delle esigenze formative e di aggiornamento del personale del Dipartimento;

Rapporti con le organizzazioni sindacali;

Problematiche connesse all'accesso alle banche dati del Dipartimento;

Attività relativa alla gestione dei beni mobili ed informatici, manutenzioni ordinarie e riparazioni, spese urgenti e indifferibili per il ripristino di condizioni di igiene e sicurezza sia per immobili che per impianti e attrezzature, spese per la sorveglianza sanitaria, acquisti di dispositivi di protezione individuale e collettiva, spese per l'acquisto di beni di consumo per funzionamento degli uffici; spese per noleggio o leasing di macchine e attrezzature;

Cassa e economato. Spese postali e telegrafiche; utenze, servizi ausiliari e spese di pulizia. Attività di gestione degli immobili per gli uffici decentrati e periferici;

Predisposizione schema di previsione delle entrate e delle spese del dipartimento per la formazione del bilancio della regione e della legge di stabilità;

Coordinamento e verifica riaccertamento ordinario residui attivi e passivi; coordinamento e verifica in materia di perenzioni;

Coordinamento e acquisizione dati, dalle strutture intermedie, per giudizio di parificazione del rendiconto generale da parte della Corte dei Conti;

Coordinamento dell'attuazione della Direttiva 24 marzo 2004 "Rilevazione della qualità percepita dai cittadini" emanata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento della Funzione Pubblica, finalizzata alla c.d. Customer Satisfaction del cittadino; Rapporti con l'utenza;

Gestione del protocollo informatico e dei flussi documentali, digitalizzazione degli archivi; Repertorio dei decreti.;

Archivio storico e protocollo;

Adempimenti connessi al Decreto n. 101/18 del 10 agosto 2018 in materia di Privacy;

Servizio di prevenzione e protezione in applicazione D.Lgs. n. 81/08;

Predisposizione degli schemi di convenzioni con Enti ed Istituzioni;

Ufficiale Rogante del Dipartimento;

Gestione Banca Dati Nazionale Antimafia (BDNA).

AREA 2 - CONTENZIOSO E AFFARI LEGALI

Gestione contenzioso nelle materie di competenza del Dipartimento, predisposizione delle memorie, degli atti e delle relazioni difensive, esecuzione sentenze Esame ricorsi gerarchici (art. 7, lett. m), L.R. 10/2000).

Istruttoria relativa al rimborso delle spese legali art. 39 L.R. 145/80, nei casi in cui gli interessati siano stati dichiarati esenti da responsabilità;

Gestione capitolo spese per liti, arbitraggi, risarcimenti e accessori Affari giuridici, studi, pareri, ricerche giurisprudenziali;

Predisposizione, con il supporto dei Servizi competenti, di circolari e provvedimenti di attuazione di disposizioni normative nelle materie di competenza del Dipartimento;

Predisposizione schemi di regolamento nelle materie di competenza del Dipartimento;

Coordinamento rapporti con Magistratura ordinaria, amministrativa e speciale, con la Magistratura contabile e organismi di Polizia e Prefettura;

Procedimenti inerenti la risoluzione dei conflitti tra soggetti pubblici (Art. 1 comma 6, L.R. 3/2013);

Coordinamento dei rapporti con l'Avvocatura dello Stato e con l'Ufficio legislativo e legale.

SERVIZIO 1 - TUTELA DELLE RISORSE IDRICHE

Supporto alle attività di redazione e aggiornamento del Piano di Bacino di cui all'articolo 63 del decreto legislativo 152 del 2006, e relativi programmi triennali, relativamente alle materie di competenza del Servizio;

Redazione e aggiornamento del Piano di gestione del distretto idrografico della Sicilia, in attuazione della direttiva 2000/60/CE del Parlamento Europeo, delle misure di salvaguardia e relativi programmi triennali d'intervento; gestione dei connessi processi di partecipazione pubblica;

Controllo sull'attuazione dei programmi triennali d'intervento;

Redazione e aggiornamento del bilancio idrico e del bilancio idrologico regionale; individuazione misure per la pianificazione dell'economia idrica/pianificazione degli usi per garantire equilibrio tra risorse e fabbisogni (potabili, irrigui e industriali) ai sensi dell'art. 145 del D.Lgs. 152/2006 e dell'art. 2 della L.R. 19/2015;

Individuazione misure per il risparmio idrico ex art. 146 e 148 del D.Lgs. 152/2006 e per il riutilizzo ai sensi dell'art. 2 della L.R. 19/2015;

Attività conoscitiva e tecnico scientifica in materia di acque ex art. 55 del D.Lgs. 152 del 2006;

Rilevamento dati per l'analisi delle pressioni e degli impatti e per analisi economica dell'utilizzo delle acque;

Elaborazione ed attuazione di programmi per la conoscenza e la verifica dello stato qualitativo e quantitativo delle acque superficiali e sotterranee; monitoraggio idrologico e idromorfologico dei corpi idrici superficiali interni e monitoraggio dello stato quantitativo dei corpi idrici sotterranei ai sensi dell'art. 118 del D.Lgs. 152 del 2006; Monitoraggio marino costiero;

Studi conoscitivi e monitoraggio dei cambiamenti climatici, di fenomeni di siccità e di riduzione delle risorse idriche superficiali e sotterranee; individuazione di aree minacciate da fenomeni di siccità;

Realizzazione, organizzazione e gestione delle reti di rilevamento meteo tradizionali e delle reti di rilevamento idrologiche e del sistema unico integrato multisettoriale a supporto della pianificazione dei bacini idrografici del Distretto Idrografico della Sicilia;

Raccolta, registrazione, studio e sviluppo dati meteo - idrologici acquisiti dai sistemi di rilevamento e stampa annali parte I e II, bollettini e pubblicazioni;

Centro di documentazione ambientale sulle acque, divulgazione delle informazioni sullo stato di qualità delle acque ex art. 75 del D.Lgs. 152 del 2006 e banca dati ex art. 2 comma 1 lett. L.R. 19/2015.

UNITÀ OPERATIVA 1.1 (SEDE DI CATANIA)

Attività conoscitiva e tecnico scientifica in materia di acque ex art. 55 del D.Lgs. 152 del 2006;

Rilevamento dati per l'analisi delle pressioni e degli impatti e per analisi economica dell'utilizzo delle acque;

Elaborazione ed attuazione di programmi per la conoscenza e la verifica dello stato qualitativo e quantitativo delle acque superficiali e sotterranee; monitoraggio idrologico e idromorfologico dei corpi idrici superficiali interni e monitoraggio dello stato quantitativo dei corpi idrici sotterranei ai sensi dell'art. 118 del D.Lgs. 152 del 2006;

Monitoraggio marino costiero;

Studi conoscitivi e monitoraggio dei cambiamenti climatici, di fenomeni di siccità e di riduzione delle risorse idriche superficiali e sotterranee; individuazione di aree minacciate da fenomeni di siccità;

Realizzazione, organizzazione Cogestione delle reti di rilevamento meteo tradizionali e delle reti di rilevamento idrologiche;

Raccolta, registrazione, studio e sviluppo dati meteo - idrologici acquisiti dai sistemi di rilevamento e stampa annali parte I e II, bollettini e pubblicazioni;

UNITÀ OPERATIVA 1.2

Redazione e aggiornamento Piano di Tutela delle Acque in Sicilia e dei relativi programmi di misure; gestione dei relativi processi di partecipazione pubblica;

Designazione corpi idrici a specifica destinazione funzionale di cui all'art. 79 del D.Lgs. 152/2006 e individuazione eventuali deroghe;

Designazione aree sensibili e relative aree drenanti;

Individuazione Zone Vulnerabili ai Nitrati, programma di controllo e programma di azione obbligatorio per la tutela e il risanamento delle acque inquinate da nitrati di origine agricola, e relativo riesame;

Identificazione Aree Vulnerabili da prodotti fitosanitari;

Individuazione Zone di Tutela Assoluta e Zone di Rispetto ex art. 94 del D.Lgs. 152 del 2006;

Classificazione acque dolci superficiali da destinare alla potabilizzazione e predisposizione eventuali deroghe;

Adempimenti di competenza regionale di cui agli articoli 100, 101, 105, 107, 112, 113 e 115 del D.Lgs. 152 del 2006.

UNITÀ OPERATIVA 1.3

Redazione e aggiornamento Piano Regolatore Generale Acquedotti (PRGA);

Elaborazione di proposte di normativa in materia di acque di scarico di natura civile ed industriale in fognatura e fuori dalla fognatura e in materia di tutela degli utenti;

Raccolta e trasmissione dati sulla funzionalità dei depuratori, nonché sullo smaltimento dei relativi fanghi;

Delimitazione degli ambiti territoriali ottimali per la gestione del servizio idrico integrato;

Uso plurimo delle acque per finalità potabili, minerali, agricole e industriali;

Vigilanza sul rispetto dei livelli minimi di qualità del servizio irriguo e potabile;

Vigilanza sulla corretta redazione del Piano d'ambito di cui all'articolo 149 del decreto legislativo n. 152/2006 nel rispetto dei principi della legge di riferimento e delle indicazioni degli strumenti pianificatori; vigilanza sulla trasparenza della contabilità delle gestioni e di valutazione dei costi delle singole prestazioni;

Controllo delle dinamiche dei prezzi;

Formulazione di pareri in merito al servizio idrico integrato su richiesta degli enti locali.

SERVIZIO 2 - ASSETTO DEL TERRITORIO

Supporto alle attività di redazione e aggiornamento del Piano di Bacino di cui all'articolo 63 del decreto legislativo 152 del 2006, e relativi programmi triennali, relativamente alle materie di competenza del Servizio;

Redazione del Piano di gestione del rischio alluvioni ex Direttiva 2007/60, misure di salvaguardia e relativi programmi triennali d'intervento; gestione dei connessi processi di partecipazione pubblica e adempimenti connessi all'attuazione della Direttiva 2007/60 e D.Lgs. 49/2010;

Controllo sull'attuazione dei programmi triennali d'intervento;

Redazione Piani stralcio di distretto per l'assetto Idrogeologico (PAI) ex art. 67, comma 1 del D.Lgs. 152 del 2006 relativi al rischio idraulico;

Redazione dei Piani straordinari diretti a rimuovere le situazioni a più elevato rischio idrogeologico ex art. 67, comma 2 del D.Lgs. 152/2006 relativi al rischio idraulico;

Interventi di attuazione del PGRA di competenza dell'Autorità di Bacino e adempimenti connessi relativamente alle materie di competenza del servizio;

Programmazione interventi mirati alle politiche di prevenzione del dissesto idrogeologico.

UNITÀ OPERATIVA 2.1

Redazione Piani stralcio di distretto per l'assetto Idrogeologico (PAI) ex art. 67 del D.Lgs. 152 del 2006 relativamente al rischio geomorfologico (frane e coste);

Redazione piani straordinari diretti a rimuovere le situazioni a più elevato rischio idrogeologico ex art. 67 comma 2 del D.Lgs. 152 del 2006 relativi al rischio geomorfologico;

Designazione aree vulnerabili alla desertificazione e Carta desertificazione;

Interventi di prevenzione dei fenomeni di desertificazione;

Individuazione di aree soggette a fenomeni di degrado del suolo e processi di desertificazione Aggiornamento Database RENDIS di cui al D.P.C.M. 24 febbraio 2015;

Definizione dei requisiti di ammissibilità e criteri di selezione per la definizione dei programmi inscritti nel RENDIS;

Inventario fenomeni franosi (IFFI) carta e programmazione interventi;

Programmazione interventi infrastrutturali per il miglioramento dell'assetto idrogeologico e di messa in sicurezza selle aree interessate da fenomeni di dissesto;

Studi e cartografie tematiche Carta Geologica Regionale CARG.

SERVIZIO 3 - PARERI E AUTORIZZAZIONI (SEDE DI PALERMO)

Attività istruttoria relativa al parere sulla coerenza con gli obiettivi del Piano di bacino dei piani e programmi dell'Unione Europea, nazionali, regionali e locali relativi alla difesa del suolo, alla lotta alla desertificazione, alla tutela delle acque e alla gestione delle risorse idriche;

Adempimenti concernenti le provincie di Palermo, Agrigento Caltanisetta e Trapani relativi a:

• Pareri di compatibilità idraulica sui progetti ai sensi delle norme di attuazione del Piano di Gestione del Rischio Alluvioni;

• Pareri di compatibilità idraulica propedeutici al rilascio delle autorizzazioni di cui al R.D. 523/1904;

• Pareri di compatibilità idrogeologica o idraulica previsti dalla normativa di attuazione dei PAI:

• Pareri di compatibilità sulle domande di derivazione per nuove concessioni e utilizzazioni corredate dei progetti di massima delle opere da eseguire per la raccolta, regolazione, estrazione, derivazione, condotta, uso, restituzione e scolo delle acque;

• Autorizzazione attività di immersione in mare di materiale derivante da attività di escavo e di posa in mare di cavi e condotte;

• Istruttoria relativa all'approvazione progetti di gestione degli invasi ex art. 114 del D.Lgs. 152 del 2006;

• Rilascio di pareri di compatibilità idrologica sulle domande di grande derivazione e sui progetti di opere di civili idrauliche ed assetto territoriale;

• Rilascio pareri ex Circ. Min. LL.PP. 1125/86.

UNITÀ OPERATIVA 3.1 (SEDE DI CATANIA)

Adempimenti concernenti le provincie di Catania, Enna, Siracusa, Ragusa e Messina relativi a:

• Pareri di compatibilità idraulica sui progetti ai sensi delle norme di attuazione del Piano di Gestione del Rischio Alluvioni;

• Pareri di compatibilità idraulica propedeutici al rilascio delle autorizzazioni di cui al R.D. 523/1904;

• Pareri di compatibilità idrogeologica o idraulica previsti dalla normativa di attuazione dei PAI;

• Pareri di compatibilità sulle domande di derivazione per nuove concessioni e utilizzazioni corredate dei progetti di massima delle opere da eseguire per la raccolta, regolazione, estrazione, derivazione, condotta, uso, restituzione e scolo delle acque;

• Autorizzazione attività di immersione in mare di materiale derivante da attività di escavo e di posa in mare di cavi e condotte;

• Istruttoria relativa all'approvazione progetti di gestione degli invasi ex art. 114 del D.Lgs. 152 del 2006;

• Rilascio di pareri di compatibilità idrologica sulle domande di grande derivazione e sui progetti di opere di civili idrauliche ed assetto territoriale;

• Rilascio pareri ex Circ. Min. LL.PP. 1125/86.

SERVIZIO 4 - DEMANIO IDRICO FLUVIALE E POLIZIA IDRAULICA

(SEDE DI PALERMO)

Svolge i seguenti compiti relativamente alle province di Palermo, Agrigento, Caltanissetta e Trapani:

• Autorizzazione ex art. 93 RD. 523 del 1904 per l'accesso e l'esecuzione di interventi sul Demanio Idrico fluviale,

• Programmazione e finanziamento degli interventi per l'esecuzione di opere di manutenzione ordinaria e straordinaria compresi gli interventi di somma urgenza, attuazione e gestione;

• Rilascio concessioni e/o sdemanializzazione per aree del Demanio Idrico fluviale Attività correlate:

• Adempimenti programmatori connessi con il Demanio Idrico Fluviale

• Polizia Idraulica, vigilanza e attività di ricognizione.

UNITÀ OPERATIVA TERRITORIALE 4.1 (SEDE DI CATANIA)

Svolge i seguenti compiti per le province di Catania, Messina, Ragusa, Siracusa e Enna:

• Autorizzazione ex art. 93 R.D. 523 del 1904 per l'accesso e l'esecuzione di interventi sul Demanio Idrico fluviale,

• Programmazione e finanziamento degli interventi per l'esecuzione di opere di manutenzione ordinaria e straordinaria compresi gli interventi di somma urgenza, attuazione e gestione

• Rilascio concessioni e/o sdemanializzazione per aree del Demanio Idrico fluviale Attività correlate:

• Adempimenti programmatori connessi con il Demanio Idrico Fluviale

• Polizia Idraulica, vigilanza e attività di ricognizione

SERVIZIO 5 - ATTUAZIONE INTERVENTI A TITOLARITÀ O A REGIA

Attuazione interventi a titolarità e a regia di competenza dell'Autorità di bacino a valere sui fondi statali, comunitari e regionali;

Adempimenti attribuiti agli UCO (Ufficio competente per le Operazioni) derivanti dall'attuazione del PO FESR 2014/2020 e dai programmi finanziati con risorse nazionali e regionali.;

Gestione contabile dei relativi capitoli di entrata e spesa;

Gare e supporto ai RUP.

 

Allegato B

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea - Dipartimento regionale dello sviluppo rurale e territoriale

UNITÀ DI STAFF

Unità Operativa di staff 1 - Supporto al Dirigente Generale e controllo di gestione

Gestione posta elettronica della direzione. Gestione degli atti posti alla firma del Dirigente Generale.

Archivio fogli vettore. Archivio dei decreti.

Supporto al Dirigente Generale per l'attività di coordinamento delle strutture, nonché per l'analisi e l'ottimizzazione dei procedimenti amministrativi.

Espletamento attività relative al Controllo Interno di Gestione, prevista dall'art. 4 della legge regionale 10 dicembre 2001 n. 20, dal D.Lgs. 286/99 e dal D.Lgs. 150/2010. Coordinamento attività connessa al rispetto dei tempi di conclusione dei procedimentali amministrativi. Verifica dell'operatività delle strutture del Dipartimento in termini di efficacia, efficienza ed economicità dell'azione amministrativa. Coordinamento e predisposizione attività ispettiva.

Supporto al Dirigente Generale nell'attuazione delle Direttive pluriennali ed annuali per la programmazione, l'attività amministrativa e la gestione, emanate dal Presidente della Regione e dall'Assessore, con la predisposizione annuale della proposta degli obiettivi operativi e delle relative schede progettuali delle azioni del Dipartimento, in raccordo con le altre Strutture coinvolte.

Supporto al Dirigente Generale nella definizione degli obiettivi dirigenziali e del piano di lavoro per il personale del comparto non dirigenziale. Valutazione del personale del Comparto.

Supporto al Dirigente Generale nell'applicazione della disciplina di cui al decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 286 e successive aggiunte e modificazioni in materia di valutazione della Dirigenza. Rapporti con il Servizio di Pianificazione e Controllo Strategico.

Unità Operativa di staff 2 - Monitoraggio e controllo della spesa extraregionale

Attività di monitoraggio di programmi e progetti comunitari attuati dal Dipartimento. Attività di controllo di primo livello di programmi e progetti comunitari attuati dal Dipartimento. Attività di monitoraggio e controllo dei fondi nazionali. Rapporti con gli uffici competenti (Ufficio speciale di Audit, Autorità di gestione, Autorità di pagamento). Raccordo con l'organismo pagatore e con l'organismo di certificazione. Coordinamento dell'attività di monitoraggio degli Enti e dei soggetti attuatori. Rapporti con l'organismo pagatore per le attività di controllo derivate.

Controlli di primo livello per le azioni di competenza del corrispondente Centro di Responsabilità per il PO FESR 2014-2020, il PO FESR Sicilia 2007-13, per FSC e per il PAC: Verifiche amministrative rispetto a ciascuna domanda di rimborso presentata dai beneficiari, propedeutiche alla certificazione delle spese alla UE, verifiche sul posto delle operazioni (effettuate su base campionaria, con il supporto, per competenza, del Dipartimento Regionale Tecnico);

Validazione sul sistema Caronte dei dati di certificazione di spesa;

Controlli per gli interventi di Strumenti di Ingegneria Finanziaria (ove pertinenti);

Comunicazioni delle irregolarità;

Attività di competenza connesse alla chiusura dei Programmi Operativi.

Unità Operativa di staff 3 - Direzione Riserva Naturale Orientata dello Zingaro

Attività di programmazione, progettazione ed esecuzione interventi e gestione servizi area protetta. Gestione acquisizione di beni e servizi, gestione tecnico-amministrativa dei lavori in amministrazione diretta e degli operai forestali; adempimenti connessi al pagamento della spesa delegata. Interventi per la tutela e conservazione degli habitat, studi, ricerche, monitoraggi ed interventi a salvaguardia del patrimonio naturale. Valorizzazione delle attività antropiche tradizionali.

Vendita di prodotti demaniali.

Organizzazione e gestione dei servizi di fruizione dell'area protetta, ivi compreso la messa in sicurezza.

Adempimenti connessi alla gestione delle entrate per l'erogazione dei servizi e la vendita dei prodotti.

Attività di educazione ambientale, promozione e divulgazione.

Attività connessa all'istruttoria per il rilascio di concessioni, autorizzazioni e NN.OO.

Attività di monitoraggio ed attuazione interventi. Nucleo di Vigilanza della R.N.O. Zingaro.

Unità Operativa di staff 4 - Segreteria del Commissario per la liquidazione degli Usi Civici

Supporto alle funzioni del Commissario per la liquidazione degli usi civici: accertamento, valutazione e liquidazione dei diritti di uso civico; scioglimento delle promiscuità; attività connesse a quelle degli istruttori demaniali; riconoscimento della regolarità delle verifiche demaniali; assegnazioni a categoria e quotizzazioni delle terre di uso civico; legittimazioni e reintegre delle occupazioni arbitrarie del demanio civico; istituzione di giudizi, tenuta delle udienze e attività di segreteria giudiziaria; tentativi di conciliazione.

AREE

AREA 1 - AFFARI E SERVIZI GENERALI

Affari del personale. Raccordo con il Servizio trattamento economico e giuridico del personale del Dipartimento competente. Adempimenti connessi alla contrattualizzazione della Dirigenza.

Protocollo informatico e i flussi documentali orizzontali e verticali.

Adempimenti connessi alla predisposizione del Funzionigramma e organigramma.

Pianificazione dei servizi comuni per il funzionamento delle sedi del Dipartimento e riparto delle risorse finanziarie. Gestione servizi comuni del Dipartimento.

Coordinamento interventi per il ripristino di condizione di igiene e sicurezza sia per gli immobili che per gli impianti ed attrezzature.

Attività di coordinamento, monitoraggio e controllo della spesa e delle entrate ai fini della programmazione finanziaria del Dipartimento. Elaborazione della proposta dipartimentale per la predisposizione del bilancio di previsione annuale e pluriennale della Regione.

Programmazione e monitoraggio della spesa per il rispetto dei limiti imposti dal Patto di Stabilità.

Gestione capitoli di spesa di competenza e relativi provvedimenti.

Unità Operativa 1 - Gestione risorse umane

Affari del personale. Rilevazione automatica delle presenze. Nulla-osta trasferimenti. Applicazione contrattualistica collettiva.

Gestione dei procedimenti relativi ai progetti di attività supplementare in cui risulta impegnato il personale del comparto del Dipartimento. Indennità mensa e lavoro straordinario. Istruttoria e liquidazione spese di missione del personale in servizio presso la sede centrale del Dipartimento e riparto delle risorse finanziarie alle strutture periferiche.

Adempimenti connessi alla contrattualizzazione ed alla valutazione della Dirigenza.

Autorizzazioni incarichi esterni al personale regionale del Dipartimento e adempimenti connessi. Raccordo con il Servizio trattamento economico e giuridico del personale del Dipartimento competente. Attivazione dei provvedimenti disciplinari e le relative sanzioni.

Referente formativo del Dipartimento. Programmazione e coordinamento delle esigenze formative e di aggiornamento del personale del Dipartimento.

Attività inerente il protocollo informatico e i flussi documentali orizzontali e verticali, la digitalizzazione degli archivi in conformità al codice digitale in vigore. Ricevimento della corrispondenza per l'assegnazione alle strutture. Adempimenti connessi alla gestione della posta elettronica del Dipartimento. Adempimenti connessi al D.Lgs. 196/2003 in materia di Privacy.

Organizzazione e gestione della biblioteca, dell'emeroteca e del centro stampa.

Gestione sito web del Dipartimento.

Adempimenti connessi alla predisposizione del Funzionigramma e organigramma.

Unità Operativa 2 - Gestione dei servizi comuni e sicurezza

Pianificazione dei servizi comuni per il funzionamento delle sedi del Dipartimento e riparto delle risorse finanziarie.

Ufficio del consegnatario. Ufficio Cassa.

Attività di espletamento gare per l'acquisizione di beni, servizi e lavori per il funzionamento della sede centrale del Dipartimento. Approvvigionamento materiale di consumo Uffici, ecc..

Noleggio o leasing di macchine e attrezzature. Manutenzione beni mobili. Gestione automezzi e relativi contratti assicurativi. Acquisto libri, riviste e giornali.

Gestione servizi comuni del Dipartimento: servizi telefonici, fax, spedizione, servizi ausiliari, servizi pulizia dei locali, custodia e vigilanza, servizi di portineria.

Adempimenti connessi alla infrastruttura telematica del Dipartimento in raccordo con l'Ufficio di coordinamento dei sistemi informatici.

Gestione archivio storico della sede centrale del Dipartimento. Adempimenti relativi allo scarto d'atti di Ufficio.

Adempimenti connessi alla copertura assicurativa verso terzi nelle aree demaniali e in quelle gestite. Coordinamento interventi per il ripristino di condizione di igiene e sicurezza sia per gli immobili che per gli impianti ed attrezzature, nonché degli interventi urgenti ed indifferibili per l'attuazione delle disposizioni di cui al D.Lgs. 81/2008.

Unità Operativa 3 - Coordinamento, monitoraggio e controllo economico-finanziario

Attività di coordinamento, monitoraggio e controllo della spesa e delle entrate ai fini della programmazione finanziaria del Dipartimento. Elaborazione della proposta dipartimentale per la predisposizione del bilancio di previsione annuale e pluriennale della Regione.

Programmazione e monitoraggio della spesa per il rispetto dei limiti imposti dal Patto di Stabilità. Coordinamento attività dipartimentale per l'attuazione dell'art. 27 della L.R. 23/2002 e s.m.i. in materia di controllo e monitoraggio della spesa pubblica.

Rilevazione, analisi e verifica dei dati gestionali a chiusura dell'esercizio finanziario. Coordinamento attività per la parifica del Bilancio.

Coordinamento e rilevazione delle entrate di competenza del Dipartimento. Raccolta ed elaborazione dei dati per la l'aggiornamento della banca dati delle entrate non tributarie, relative a canoni e tariffe applicate dal Dipartimento.

AREA 2 - TRASPARENZA, LEGALITÀ E CONTENZIOSO

Supporto giuridico-legale alle strutture del Dipartimento e rapporti con l'Avvocatura dello Stato, Magistratura ordinaria e speciale, ivi compresa la Corte dei Conti, organismi di Polizia e Prefettura.

Supporto al Referente Dipartimentale per la Prevenzione della Corruzione e per la Trasparenza, per gli adempimenti di cui alla legge 190/2012 ed al Piano triennale per la prevenzione della corruzione, adottato dalla Regione siciliana.

Semplificazione, trasparenza ed efficienza atti. Coordinamento e monitoraggio degli adempimenti connessi al D.Lgs. 33/2013 (Amministrazione trasparente) e raccordo con il Dipartimento Regionale della Funzione Pubblica e del Personale. Ufficio Relazioni con il Pubblico.

Monitoraggio e gestione dei contenziosi. Predisposizione memorie difensive ed altri atti connessi ai contenziosi del Dipartimento, in raccordo con le strutture dipartimentali.

Gestione capitoli di spesa di competenza e relativi provvedimenti.

Unità Operativa 1 - Trasparenza, legalità e U.R.P.

Supporto al Referente Dipartimentale per la Prevenzione della Corruzione e per la Trasparenza, per gli adempimenti di cui alla legge 190/2012 ed al Piano triennale per la prevenzione della corruzione, adottato dalla Regione siciliana.

Semplificazione, trasparenza ed efficienza atti. Verifica compatibilità delle norme regionali di settore con le norme nazionali e comunitarie.

Coordinamento e monitoraggio degli adempimenti connessi al D.Lgs. 33/2013 (Amministrazione trasparente) e raccordo con il Dipartimento Regionale della Funzione Pubblica e del Personale. Ufficio Relazioni con il Pubblico. Diffusione di informazioni sulle materie di competenza del Dipartimento.

Applicazione della normativa sulle pari opportunità, benessere dei lavoratori, contro le discriminazioni all'interno dei luoghi di lavoro, contro le molestie sessuali, normativa antifumo, rispetto tempistica procedimentale.

Applicazione L.R. 5/2011. Burocrazia a Km 0. Referente per le note informative per l'autorità giudiziaria e la Segreteria generale della Regione, nonché per lemisure di prevenzione.

Tenuta schedario provvedimenti esecutivi concernenti divieti, decadenze e sospensioni previsti dalla legge 31 maggio 1965 n. 575 e successive modifiche.

Unità Operativa 2 - Gestione del contenzioso

Supporto giuridico-legale al Dirigente Generale e alle strutture del Dipartimento e rapporti con l'Avvocatura dello Stato, Magistratura ordinaria e speciale, ivi compresa la Corte dei Conti, organismi di Polizia e Prefettura.

Monitoraggio e gestione dei contenziosi. Informazione alle strutture dipartimentali sugli aggiornamenti normativi. Diffusione di norme e pareri. Liquidazione delle sentenze passate in giudicato, decreti ingiuntivi esecutivi, pignoramenti e atti transattivi e di conciliazione, nonché spese legali e giudiziarie nei contenziosi. Rimborsi. Predisposizione memorie difensive ed altri atti connessi ai contenziosi del Dipartimento, in raccordo con le strutture dipartimentali.

Verifica compatibilità delle norme regionali di settore con le norme nazionali e comunitarie.

AREA 3 - PROGRAMMAZIONE. INNOVAZIONE E SUPPORTO ALLO SVILUPPO

Predisposizione dei documenti di programmazione del Dipartimento.

Rapporti e collegamento con gli Uffici dell'U.E., MI.PP.AA.FF. ed altri Ministeri, Assessorati Regionali, Enti Locali ed organismi nazionali e regionali, su materie di interesse generale e comune. Referente conferenza Stato Regione.

Programmazione per la gestione tecnica del patrimonio forestale demaniale e delle superfici gestite dal Dipartimento.

Redazione del programma triennale delle OO.PP e dell'elenco annuale delle OO.PP. degli interventi. Piani di di gestione forestale e valutazione degli assortimenti forestali. Filiera legno e biomasse.

Servizi di consulenza tecnico-forestale. Ricerca scientifica e sperimentazione nel settore forestale.

Monitoraggio delle avversità biotiche e abiotiche dei boschi, della vegetazione delle aree naturali protette e dei vivai forestali gestiti dal Dipartimento.

Coordinamento dell'attuazione interventi di difesa fitosanitaria nelle aree forestali demaniali.

Coordinamento dell'attività vivaistica e della rete dei vivai regionali demaniali.

Gestione capitoli di spesa di competenza e relativi provvedimenti.

Unità Operativa 1 - Pianificazione forestale e infrastrutturale, innovazione e filiera legno

Coordinamento attività per la predisposizione dei documenti di programmazione del Dipartimento.

Programmazione per la gestione tecnica del patrimonio forestale demaniale e delle superfici gestite dal Dipartimento. Redazione del programma triennale delle OO.PP. e dell'elenco annuale delle OO.PP. degli interventi. Programmazione delle attività per le opere previste dagli artt. 28-30 della L.R. 6 aprile 1996, n. 16. Programmazione attività complementari di cui all'art. 14 della L.R. 6 aprile 1996, n. 16 e s.m.i., nonché agli artt. 25, comma 1, e 41 della L.R. 15 maggio 2013, n. 9.

Programmazione della redazione e coordinamento piani di gestione forestale e valutazione degli assortimenti forestali.

Filiera legno e biomasse. Programmazione di interventi per la realizzazione di impianti per produzione di energia da fonti rinnovabili a servizio delle strutture demaniali. Programmazione di impianti finalizzati allo sfruttamento di biomasse per uso energetico.

XPartecipazione ad iniziative comunitarie e/o di partenariato di competenza.

XPartecipazione ad organismi ed associazioni del settore forestale.

Servizi di consulenza tecnico-forestale. Ricerca scientifica e sperimentazione nel settore forestale. Progetti pilota e/o sperimentali. Green economy. Informazione, diffusione e trasferimento dell'innovazione. Certificazione forestale e valutazione crediti di carbonio.

Unità Operativa 2 - Difesa fitosanitaria dei boschi e vivaismo forestale

Monitoraggio delle malattie, delle avversità abiotiche e degli organismi animali dannosi ai boschi, alla vegetazione delle aree naturali protette e ai vivai forestali gestiti dal Dipartimento.

Monitoraggio dello stato di salute e della vitalità dei boschi regionali, dei popolamenti monumentali in aree demaniali e di quelli sottoposti a tutela dalla legislazione nazionale e/o regionale.

Coordinamento dell'attuazione interventi di difesa fitosanitaria nelle aree forestali demaniali.

Costituzione e aggiornamento dell'inventario fitopatologico forestale.

Coordinamento dell'attività vivaistica e della rete dei vivai regionali demaniali.

Coordinamento dei Centri di conservazione del germoplasma forestale e del Centro Vivaistico regionale. Raccolta, catalogazione e conservazione del germoplasma regionale e della biodiversità vegetale e forestale. Allestimento dei campi per la conservazione e moltiplicazione di materiale vegetale autoctono di interesse forestale.

Attività di propagazione e moltiplicazione del germoplasma e realizzazione delle banche semi.

SERVIZI

SERVIZIO 1 - GESTIONE DEL PATRIMONIO FORESTALE

Gestione attività e risorse finanziarie per la conduzione del patrimonio forestale nell'ambito del demanio forestale, delle superfici gestite dal Dipartimento e degli interventi complementari, nonché dei progetti pilota a carattere sperimentale.

Istruttoria tecnica dei progetti e predisposizione dei provvedimenti di finanziamento e di approvazione collaudo.

Predisposizione dei provvedimenti di finanziamento dei preventivi di cui all'art. 81 L.R. 16/1996 e s.m.i. Monitoraggio realizzazione interventi forestali. Coordinamento tecnico degli interventi di cui agli artt. 25 e 41 della L.R. 9/2013.

Gestione tecnico-amministrativa e contrattuale delle risorse umane del Dipartimento e di quelle non inquadrato nei ruoli regionali. Monitoraggio livelli occupazionali dei contingenti della graduatoria ex art. 12 L.R. 5/2014.

Preventivi per l'utilizzazione continuativa dei Lavoratori a Tempo Indeterminato (ex art. 81 L.R. 16/1996 e s.m.i.).

Ripartizione della spesa per la sorveglianza sanitaria per la sede centrale e per le sedi periferiche del Dipartimento, sia per il personale amministrativo che per la manodopera forestale.

Gestione capitoli di spesa di competenza e relativi provvedimenti.

Unità Operativa 1 - Gestione tecnico-forestale

Gestione attività e risorse finanziarie per la conduzione del patrimonio forestale nell'ambito del demanio forestale, delle superfici gestite dal Dipartimento e degli interventi complementari, nonché dei progetti pilota a carattere sperimentale.

Gestione risorse finanziarie per le attività di AlB (art. 12 L.R. 5/2014) e raccordo con il Comando del Corpo Forestale.

Istruttoria tecnica dei progetti e predisposizione dei provvedimenti di finanziamento e di approvazione collaudo.

Predisposizione dei provvedimenti di finanziamento dei preventivi di cui all'art. 81 L.R. 16/1996 e s.m.i.

Attività di supporto alle determinazioni in merito ai lavori pubblici, in amministrazione diretta e in appalto e all'acquisizione in economia di beni e servizi per la realizzazione degli interventi (istruttorie, bandi di gara, disciplinari di incarico, regolamenti).

Monitoraggio realizzazione interventi forestali.

Gestione di progetti di partenariato e comunitari.

Coordinamento tecnico degli interventi di cui agli artt. 25 e 41 della L.R. 9/2013.

Unità Operativa 2 - Pianificazione delle risorse umane forestali

Gestione tecnico-amministrativa e contrattuale delle risorse umane del Dipartimento e di quelle non inquadrato nei ruoli regionali.

Aggiornamento tabelle paghe operai con applicazione delle circolari INPS.

Gestione e monitoraggio permessi sindacali. Trattazione problematiche provvedimenti disciplinari operai forestali.

Monitoraggio livelli occupazionali dei contingenti della graduatoria ex art. 12 L.R. 5/2014. Trattamento di fine rapporto dei Lavoratori a Tempo Indeterminato.

Programmazione e gestione risorse per i versamenti IRAP.

Preventivi per l'utilizzazione continuativa dei Lavoratori a Tempo Indeterminato (ex art. 81 L.R. 16/1996 e s.m.i.).

Ripartizione della spesa per la sorveglianza sanitaria per la sede centrale e per le sedi periferiche del Dipartimento, sia per il personale amministrativo che per la manodopera forestale. Adempimenti connessi all'affidamento del servizio di sorveglianza sanitaria.

Acquisti di dispositivi di protezione individuale e collettiva per la sede centrale e tenuta registro degli infortuni.

Accreditamento del Dipartimento come ente formatore ed elaborazione di progetti formativi nel settore. Coordinamento attività formativa e di aggiornamento dei lavoratori forestali per gli obblighi discendenti dall'applicazione del D.Lgs. 81/2008 e dall'Accordo Stato-Regioni.

SERVIZIO 2 - RISERVE NATURALI. AREE PROTETTE E TURISMO AMBIENTALE

Coordinamento tecnico delle attività nell'ambito delle riserve naturali e degli interventi nel demanio forestale e delle superfici comunque gestite dal Dipartimento, ricadenti nelle riserve naturali e nelle aree protette. Piani di gestione e di intervento nelle aree protette gestite dal Dipartimento. Servizi e consulenza tecnica in materia ambientale.

Rilascio Nulla Osta e autorizzazioni e pareri ex D.P.R. 357/1997 e art. 7 del D.Lgs. 4/2008 nelle aree protette gestite dal Dipartimento finalizzate alla gestione, salvaguardia e tutela degli equilibri ecologici.

Rete ecologica; salvaguardia, protezione e valorizzazione della biodiversità, del paesaggio e dell'ambiente. Adempimenti connessi al rilascio di pareri nelle aree della RE.S., per quanto di competenza del Dipartimento. Adempimenti connessi alla fruizione delle Riserve naturali, delle aree protette.

Animazione territoriale, educazione ambientale, ideazione, concertazione e partecipazione a progetti di sviluppo dei sistemi integrati ad alta naturalità.

Attività promozionale a sostegno della gestione del territorio e dello spazio rurale. Gestione capitoli di spesa di competenza e relativi provvedimenti.

Unità Operativa 1 - Programmazione e gestione interventi nelle aree naturali e protette

Coordinamento tecnico delle attività nell'ambito delle riserve naturali e degli interventi nel demanio forestale e delle superfici comunque gestite dal Dipartimento, ricadenti nelle riserve naturali e nelle aree protette.

Piani di gestione e di intervento nelle aree protette gestite dal Dipartimento.

Programmazione annuale preventiva e consuntiva ex art. 20 L.R. 14/1988 e s.m.i.

Servizi e consulenza tecnica in materia ambientale.

Attività connesse all'attuazione degli interventi dell'Unione Europea e/o nell'ambito di altre misure extraregionali.

Unità Operativa 2 - Conservazione, valorizzazione e tutela del patrimonio naturale e ambientale

Rilascio Nulla Osta e autorizzazioni e pareri ex D.P.R. 357/1997 e art. 7 del D.Lgs. 4/2008 nelle aree protette gestite dal Dipartimento finalizzate alla gestione, salvaguardia e tutela degli equilibri ecologici.

XPartecipazione a tavoli tecnici, conferenze di servizio interdipartimentali e verifiche congiunte per il rilascio di autorizzazioni e sottoscrizione di protocolli d'intesa per progetti di interesse collettivo e di pubblica utilità.

Rete ecologica, salvaguardia, protezione e valorizzazione della biodiversità, del paesaggio e dell'ambiente. Adempimenti connessi al rilascio di pareri nelle aree della R.E.S., per quanto di competenza del Dipartimento. Adempimenti connessi alla fruizione delle Riserve naturali, delle aree protette. Recupero di ecosistemi vegetali. Animazione territoriale, educazione ambientale, ideazione, concertazione e partecipazione a progetti di sviluppo dei sistemi integrati ad alta naturalità. Attività promozionale a sostegno della gestione del territorio e dello spazio rurale.

SERVIZIO 3 - GESTIONE FAUNISTICA DEL TERRITORIO

Applicazione normativa comunitaria, nazionale e regionale in materia di fauna selvatica. Tutela e potenziamento del patrimonio faunistico siciliano.

Studio ed elaborazione dei piani e programmi faunistico-venatori, ambientali e di ricerca biologica. Ripopolamento faunistico. Censimenti specie faunistiche. Costituzione di centri produzione selvaggina, zone di ripopolamento e cattura.

Disciplina delle attività e dell'esercizio venatorio. Emanazione Calendario venatorio e Licenze venatorie. Comitato regionale faunistico-venatorio. Commissioni di esami per l'abilitazione all'esercizio venatorio e per l'idoneità all'attività di vigilanza venatoria. Danni da fauna selvatica sulle colture agrarie.

Costituzione e riconoscimento aziende faunistiche-venatorie, agro-venatorie e zone cinologiche.

Gestione capitoli di spesa di competenza e relativi provvedimenti.

Unità Operativa 1 - Tutela del patrimonio faunistico siciliano

Applicazione normativa comunitaria, nazionale e regionale in materia di fauna selvatica. Tutela e potenziamento del patrimonio faunistico siciliano.

Studio ed elaborazione dei piani e programmi faunistico-venatori, ambientali e di ricerca biologica.

Vigilanza venatoria ed ambientale. Supporto e segreteria dell'Osservatorio faunistico-venatorio.

Riconoscimento, vigilanza ed interventi finanziari in favore delle associazioni venatorie ed ambientaliste. Centri recupero fauna selvatica e primo soccorso.

Ripopolamento faunistico. Censimenti specie faunistiche. Costituzione di centri produzione selvaggina, zone di ripopolamento e cattura.

Unità Operativa 2 - Esercizio venatorio

Disciplina delle attività e dell'esercizio venatorio. Emanazione Calendario venatorio e Licenze venatorie. Ambiti territoriali di caccia. Comitato regionale faunistico-venatorio. Commissioni di esami per l'abilitazione all'esercizio venatorio e per l'idoneità all'attività di vigilanza venatoria. Danni da fauna selvatica sulle colture agrarie.

Costituzione e riconoscimento aziende faunistiche-venatorie, agro-venatorie e zone cinologiche.

SERVIZIO 4 - INFRASTRUTTURE, IRRIGAZIONE ED ENTI VIGILATI

Programmazione e coordinamento di nuovi interventi infrastrutturali di bonifica e irrigazione; manutenzione dei corsi d'acqua e del reticolo idrografico in genere.

Infrastrutture irrigue interaziendali. Interventi alle reti irrigue secondarie e terziarie. Infrastrutture per l'accumulo e la distribuzione di acqua per usi civili e idropotabili per utenze in aree rurali.

Infrastrutture viarie a carattere interaziendale. Infrastrutture di elettrificazione rurale ed altre forme di approvvigionamento energetico a carattere interaziendale. Infrastrutture del demanio forestale e delle aree comunque gestite dal Dipartimento.

Gestione risorse finanziarie destinate al funzionamento dei Consorzi di Bonifica. Vigilanza e tutela sui Consorzi. Attività concernente la liquidazione e il contenzioso dei Consorzi di Bonifica soppressi.

Ente di Sviluppo Agricolo: indirizzo strategico con particolare riferimento agli interventi di difesa dal dissesto idrogeologico e per la manutenzione del reticolo idrografico e della viabilità rurale;

Adempimenti connessi alla vigilanza e tutela dell'Ente.

Gestione capitoli di spesa di competenza e relativi provvedimenti.

Unità Operativa 1 - Coordinamento interventi irrigui e vigilanza

Consorzi di Bonifica Gestione risorse finanziarie destinate al funzionamento dei Consorzi di Bonifica.

Vigilanza e tutela sui Consorzi. Programmazione e coordinamento di nuovi interventi infrastrutturali di bonifica e irrigazione; manutenzione dei corsi d'acqua e del reticolo idrografico in genere.

Infrastrutture irrigue interaziendali. Interventi alle reti irrigue secondarie e terziarie. Infrastrutture per l'accumulo e la distribuzione di acqua per usi civili e idropotabili per utenze in aree rurali.

Adempimenti connessi al completamento degli interventi previsti nell'APQ 2000/2006 nonché al trasferimento degli invasi di pertinenza dei Consorzi di Bonifica al Dipartimento Regionale dell'Acqua e dei Rifiuti.

Predisposizione ed attuazione degli interventi da inserire nel Piano Irriguo Nazionale.

Gestione attività ex Agensud. Adempimenti connessi all'applicazione della L.R. 16 aprile 2003 n. 4, prosecuzione interventi art. 1 D.P.C.M. 12 settembre 2000 in materia convenzione ex Agensud.

Fondo di rotazione per la progettazione delle opere irrigue.

Espropriazioni connesse alla realizzazione delle opere di bonifica e di irrigazione.

Attività connesse alla redazione e approvazione dei piani di classifica, esercizio e manutenzione delle opere di irrigazione e di bonifica.

Attività connesse all'applicazione della Direttiva Comunitaria 2000/60 CEE.

Attività concernente la liquidazione e il contenzioso dei Consorzi di Bonifica soppressi.

XPartecipazione alla trattazione dei rapporti con il Mi.PP.AA.FF. ed altri. Ministeri, organismi nazionali, regionali, Presidenza della Regione, Assessorati regionali ed Enti locali per le attività residuali di competenza dei soppressi Consorzi di Bonifica.

Unità Operativa 2 - Interventi infrastrutturali e vigilanza Ente di Sviluppo Agricolo

Infrastrutture viarie a carattere interaziendale, infrastrutture di elettrificazione rurale ed altre forme di approvvigionamento energetico a carattere interaziendale, comprese le energie alternative, impianti a biomasse, infrastrutture del demanio forestale e delle aree comunque gestite dal Dipartimento.

Ente di Sviluppo Agricolo: indirizzo strategico con particolare riferimento agli interventi di difesa dal dissesto idrogeologico e per la manutenzione del reticolo idrografico e della viabilità rurale; Adempimenti connessi alla vigilanza e tutela dell'Ente.

SERVIZIO 5 - GESTIONE DEL DEMANIO FORESTALE, TRAZZERALE E USI CIVICI

Programmazione e gestione interventi per l'utilizzo del demanio trazzerale. Demanio trazzerale e adempimenti connessi.

Programmazione e gestione interventi per l'utilizzo dei terreni demaniali, dei fabbricati e degli alloggi demaniali. Concessioni, servitù e adempimenti connessi. Concessione e/o vendita erbe da pascolo e prodotti forestali. Predisposizione dei modelli di contratti di concessione.

Conto del patrimonio. Registri di consistenza. Inventario dei fabbricati demaniali. Aggiornamento del fascicolo aziendale della Regione Siciliana.

Gestione di Basi di dati cartografiche e di Banche-dati territoriali. Sviluppo del sistema informativo territoriale del demanio forestale (S.I.T.). Acquisizioni, espropriazioni, donazioni, alienazioni, retrocessioni. Occupazione temporanea di terreni. Conferimenti volontari. Piano per l'acquisizione dei terreni. Acquisizione dei Beni confiscati alla criminalità organizzata.

Approvazione atti del Commissario Usi civici; autorizzazione al mutamento di destinazione e all'alienazione del demanio civico, omologazione atti di vendita. Gestione capitoli di competenza e relativi provvedimenti.

Unità Operativa 1 - Demanio trazzerale

Demanio trazzerale e adempimenti connessi (accertamento, revisione, alienazione, reintegra e tutela). Legittimazione delle occupazioni dei suoli trazzerali. Vendita dei suoli appartenenti al demanio trazzerale. Concessioni del demanio trazzerale. Reintegra e tutela del demanio trazzerale.

Trasferimento suoli trazzerali trasformati in rotabili. Programmazione e gestione interventi per l'utilizzo del demanio trazzerale. Accertamento delle entrate per i capitoli di competenza.

Unità Operativa 2 - Demanio forestale e sistema informativo territoriale

Programmazione e gestione interventi per l'utilizzo dei terreni demaniali, dei fabbricati e degli alloggi demaniali. Concessioni, servitù e adempimenti connessi (procedure di pubblicazione dei bandi, regolamenti, canoni, ecc..). Concessione e/o vendita erbe da pascolo e prodotti forestali (comprese le biomasse e produzioni vivaistiche). Predisposizione dei modelli di contratti di concessione. Accertamento delle entrate per i capitoli di competenza.

Conto del patrimonio. Registri di consistenza. Inventario dei fabbricati demaniali.

Aggiornamento del fascicolo aziendale della Regione Siciliana.

Gestione di Basi di dati cartografiche e di Banche-dati territoriali. Sviluppo del sistema informativo territoriale del demanio forestale. Rappresentazione cartografica del demanio trazzerale e usi civici. Cartografia tematica e applicazioni GIS a supporto della programmazione.

Acquisizioni, espropriazioni, donazioni, alienazioni, retrocessioni. Occupazione temporanea di terreni, impegni di spesa per il pagamento delle indennità alle Ditte proprietarie, proroghe di occupazione, restituzione terreni. Svincolo somme depositate per indennità d'esproprio.

Conferimenti volontari. Piano per l'acquisizione dei terreni. Acquisizione dei Beni confiscati alla criminalità organizzata. Aggiornamento catastale dei beni del demanio.

SERVIZIO 6 - PROGRAMMAZIONE E GESTIONE FONDI NAZIONALI

Programmazione, predisposizione ed attuazione del piano di utilizzo del Fondo della Montagna ex art. 61 della L.R. n. 7/2002 e s.m.i.

Gestione interventi per la salvaguardia, valorizzazione e sviluppo delle aree interne.

Gestione di fondi extraregionali di natura non comunitaria.

Gestione dei Fondi PAR - FAS 2007-2013.

Programmazione e gestione dei Fondi PAC.

Programmazione e gestione del Fondo di Sviluppo e Coesione (FSC).

Gestione capitoli di spesa di competenza e relativi provvedimenti.

Unità Operativa 1 - Gestione dei fondi per i comuni montani e le aree interne

Programmazione, predisposizione ed attuazione del piano di utilizzo del Fondo della Montagna ex art. 61 della L.R. n. 7/2002 e s.m.i. Emissione dei bandi. Gestione tecnica amministrativa dei progetti finanziati a valere sui nuovi bandi, nonché dei progetti presentati dai Comuni sui bandi emessi dal Comando Forestale a valere sui quattro ambiti afferenti il Fondo.

Gestione interventi per la salvaguardia, valorizzazione e sviluppo delle aree interne. Accertamento disponibilità finanziarie residue per il Fondo Regionale per la Montagna.

Unità Operativa 2 - Gestione dei fondi extraregionali non comunitari

Gestione di fondi extraregionali di natura non comunitaria.

Gestione del Fondo di Sviluppo e Coesione, del PAC e del PAR - FAS 2007-2013 (PRA Delibera CIPE n. 87/2012).

Adempimenti connessi al finanziamento dei progetti a valere sui Fondi di natura extraregionale non comunitaria.

Attività correlate alla funzione di Responsabile Interno dell'Operazione (R.I.O.), anche attraverso l'implementazione del sistema Caronte e il coordinamento dell'attuazione degli interventi a valere sui Fondi PAR-FAS 2007-2013, PAC e FSC.

Stesura degli atti programmatori e di indirizzo relativi ai Fondi FSC e PAC.

SERVIZIO 7 - GESTIONE FONDI COMUNITARI

Programmazione dei Fondi Comunitari gestiti dal Dipartimento, di concerto con la competente Area interdipartimentale del Dipartimento Agricoltura.

Gestione investimenti per la prevenzione delle calamità naturali e degli incendi e per migliorare la funzionalità degli ecosistemi forestali danneggiati, finanziati con fondi comunitari.

Gestione misure forestali PSR 2007-2013 di competenza del Dipartimento.

Gestione misure PSR 2014-2020 di competenza del Dipartimento, di concerto con le altre strutture preposte.

Gestione fondi inerenti i centri regionali del germoplasma gestiti dal Dipartimento.

Infrastrutture viarie a carattere interaziendale. Infrastrutture di elettrificazione rurale ed altre forme di approvvigionamento energetico a carattere interaziendale.

Aggiornamento fascicolo aziendale della Regione Siciliana correlato alle domande di aiuto. Riqualificazione degli ambiti forestali mediante interventi per migliorare l'ambiente e il territorio, la conservazione degli ecosistemi forestali, la funzione protettiva dei boschi, nonché per favorire la fruizione pubblica finanziati con fondi comunitari.

Unità Operativa 1 - Interventi per la valorizzazione forestale e territoriale ed il miglioramento della biodiversità

PSR 2007-2013: Gestione Misura 227 del PSR Sicilia 2007-2013 a titolarità - Misura 214/2A

PSR 2014 - 2020: Collaborazione con il Dirigente del Servizio nella stesura degli atti di programmazione, di concerto con la competente Area interdipartimentale del Dipartimento Agricoltura e gestione delle sottomisure 8.5 - Sostegni destinati ad accrescere la resilienza ed il pregio ambientale degli ecosistemi forestali, 8.4 - Sostegno per il ripristino delle foreste danneggiate da incendi, 15.2 - Sostegno per la salvaguardia e valorizzazione delle risorse genetiche forestali, 16 - Cooperazione limitatamente alla stesura dei piani di gestione forestali Aggiornamento fascicolo aziendale della Regione Siciliana correlato alle domande di aiuto relative alle misure di competenza.

Unità Operativa 2 - Interventi per la prevenzione del rischio e per l'infrastrutturazione forestale

PSR 2007-2013: Gestione Misura 226-223 del PSR Sicilia 2007-2013 a titolarità.

PSR 2014 - 2020: Collaborazione con il Dirigente del Servizio nella stesura degli atti di programmazione, di concerto con la competente Area interdipartimentale del Dipartimento Agricoltura e gestione delle sottomisure 8.3 - Sostegno alla prevenzione dei danni arrecati alle foreste da incendi, calamità naturali ed eventi catastrofici, sottomisura 4.3, azioni 1 e 2. Infrastrutture viarie a carattere interaziendale. Infrastrutture di elettrificazione rurale ed altre forme di approvvigionamento energetico a carattere interaziendale, comprese le energie alternative, impianti a biomasse, infrastrutture del demanio forestale e delle aree comunque gestite dal Dipartimento. Attività residuale relativa alla viabilità minore.

Aggiornamento fascicolo aziendale della Regione Siciliana correlato alle domande di aiuto relative alle misure di competenza.

Unità Operativa 3 - Interventi per la qualificazione del valore economico delle foreste e gestione trascinamenti

PSR 2007-2013: Gestione Misure a regia.

PSR 2014 - 2020: Collaborazione con il Dirigente del Servizio nella stesura degli atti di programmazione, di concerto con la competente Area interdipartimentale del Dipartimento Agricoltura e gestione delle sottomisura 8.1 - sostegno alla forestazione e all'imboschimento e 8.6 - Ammodernamento e miglioramento dell'efficienza delle strutture produttive.

Gestione degli aiuti forestali legati alle misure di trascinamento Ex Reg. (CEE) n. 2080/1992, Misura H PSR 2000-2006 e Misure 221 e 223 PSR 2007-2013.

STRUTTURE INTERMEDIE DECENTRATE

Competenze dei Servizi per il Territorio

Le competenze dei Servizi per il Territorio corrispondono, su scala provinciale, a quelle della sede centrale del Dipartimento.

SERVIZIO 8 - SERVIZIO PER IL TERRITORIO DI AGRIGENTO

Unità Operativa 1 - Affari generali e coordinamento delle attività finanziarie

Unità Operativa 2 - Gestione fondi extraregionali

Unità Operativa 3 - Gestione delle risorse naturalistiche - Ripartizione faunistico-venatoria

Unità Operativa 4 - Valorizzazione e gestione del territorio

SERVIZIO 9 - SERVIZIO PER IL TERRITORIO DI CALTANISETTA

Unità Operativa 1 - Affari generali e coordinamento delle attività finanziarie

Unità Operativa 2 - Gestione fondi extraregionali

Unità Operativa 3 - Gestione delle risorse naturalistiche - Ripartizione faunistico-venatoria

Unità Operativa 4 - Valorizzazione e gestione del territorio

SERVIZIO 10 - SERVIZIO PER IL TERRITORIO DI CATANIA

Unità Operativa 1 - Affari generali e coordinamento delle attività finanziarie

Unità Operativa 2 - Gestione fondi extraregionali

Unità Operativa 3 - Gestione delle risorse naturalistiche - Ripartizione faunistico-venatoria

Unità Operativa 4.1 - Valorizzazione e gestione del territorio (Comprensorio l)

Unità Operativa 4.2 - Valorizzazione e gestione del territorio (Comprensorio 2)

SERVIZIO 11 - SERVIZIO PER IL TERRITORIO DI ENNA

Unità Operativa 1 - Affari generali e coordinamento delle attività finanziarie

Unità Operativa 2 - Gestione fondi extraregionali

Unità Operativa 3 - Gestione delle risorse naturalistiche - Ripartizione faunistico-venatoria

Unità Operativa 4 - Valorizzazione e gestione del territorio

SERVIZIO 12 - SERVIZIO PER IL TERRITORIO DI MESSINA

Unità Operativa 1 - Affari generali e coordinamento delle attività finanziarie

Unità Operativa 2 - Gestione fondi extraregionali

Unità Operativa 3 - Gestione delle risorse naturalistiche - Ripartizione faunistico-venatoria

Unità Operativa 4 - Valorizzazione e gestione del territorio

SERVIZIO 13 - SERVIZIO PER IL TERRITORIO DI PALERMO

Unità Operativa 1 - Affari generali e coordinamento delle attività finanziarie

Unità Operativa 2 - Gestione fondi extraregionali

Unità Operativa 3 - Gestione delle risorse naturalistiche - Ripartizione faunistico-venatoria

Unità Operativa 4.1 - Valorizzazione e gestione del territorio (Comprensorio 1)

Unità Operativa 4.2 - Valorizzazione e gestione del territorio (Comprensorio 2)

SERVIZIO 14 - SERVIZIO PER IL TERRITORIO DI RAGUSA

Unità Operativa 1 - Affari generali e coordinamento delle attività finanziarie

Unità Operativa 2 - Gestione fondi extraregionali

Unità Operativa 3 - Gestione delle risorse naturalistiche - Ripartizione faunistico-venatoria

Unità Operativa 4 -Valorizzazione e gestione del territorio

SERVIZIO 15 - SERVIZIO PER IL TERRITORIO DI SIRACUSA

Unità Operativa 1 - Affari generali e coordinamento delle attività finanziarie

Unità Operativa 2 - Gestione fondi extraregionali

Unità Operativa 3 - Gestione delle risorse naturalistiche - Ripartizione faunistico-venatoria

Unità Operativa 4 - Valorizzazione e gestione del territorio

SERVIZIO 16 - SERVIZIO PER IL TERRITORIO DI TRAPANI

Unità Operativa 1 - Affari generali e coordinamento delle attività finanziarie

Unità Operativa 2 - Gestione fondi extraregionali

Unità Operativa 3 - Gestione delle risorse naturalistiche - Ripartizione faunistico-venatoria

Unità Operativa 4 - Valorizzazione e gestione del territorio

COMPETENZE DELLE UNITÀ OPERATIVE DEI SERVIZI PER IL TERRITORIO

Unità Operativa - Affari generali e coordinamento delle attività finanziarie

Affari generali: protocollo e flussi documentali; D.Lgs. 196/2003 in materia di Privacy; adempimenti connessi al D.Lgs. 33/2013; adempimenti connessi alla L. 190/2012.

Ufficio Relazioni con il Pubblico; attività di implementazione del sito istituzionale.

Attività relativa all'Ufficio del consegnatario.

Gestione servizi telefonici, fax, spedizione, servizi ausiliari, servizi pulizia dei locali.

Affari del personale: gestione delle presenze; adempimenti connessi alla gestione del personale.

Ufficio del consegnatario, ufficio URP, attività connesse all'implementazione del sito istituzionale, pubblicazioni obbligatorie, ecc..

Piano di lavoro e valutazione del personale. Rapporti con le OO. SS.

Coordinamento controllo di gestione.

Gestione autoparco.

Gestione risorse economiche per la parte di competenza.

Servizio di prevenzione e protezione.

Coordinamento della trattazione del contenzioso in raccordo con l'Area 2.

Attività di supporto all'ufficiale rogante e tenuta del registro repertorio contratti.

Repertorio decreti e archivio.

Gestione acquisizioni beni e servizi per la realizzazione di interventi.

Gestione tecnico-amministrativa operai forestali.

Monitoraggio livelli occupazionali. Gestione paghe operai, gestione flussi finanziari, monitoraggio livelli occupazionali.

Adempimenti previsti dalle norme sul lavoro per le funzioni di datore di lavoro.

Rapporti con enti previdenziali ed assistenziali e con altri rami dell'amministrazione per le materie di competenza.

Certificazioni IRAP.

Adempimenti connessi ai pagamenti della spesa delegata.

Adempimenti di bilancio, previsione e consuntivo, entrate, spesa.

Gestione O/A, predisposizione mandati e decreti di liquidazione, richieste di reiscrizione e rendicontazione della spesa.

Monitoraggio della spesa.

Unità Operativa - Gestione fondi extraregionali

Misure del PSR 2007-2013 di competenza del Dipartimento afferenti ai Comuni ed ai privati, aiuti forestali legati alle misure di trascinamento Ex Reg. (CEE) n. 2080/1992, Misura H PSR 2000-2006 e PSR 2007-2013: gestione delle domande di pagamento annuale e verifica mantenimento impegni.

Gestione fondi PSR 2007-2013 e PSR 2014-2020 a titolarità regionale: esecuzione dei controlli in situ su tutte le domande di saldo sui progetti a titolarità regionale.

Misure del PSR 2014-2020 di competenza del Dipartimento, afferenti ai Comuni ed ai privati per interventi forestali (finanziamenti a regia regionale): attività tecnico-amministrativa, istruttoria e valutazione progetti, gestione finanziamenti.

Esecuzione dei controlli in loco sui campioni estratti tra le domande di pagamento sia per finanziamenti a titolarità regionale che a regia regionale, in raccordo con L'UOB di Monitoraggio e Controllo.

Supporto alle attività di monitoraggio e controllo dei fondi comunitari ed extraregionali.

Gestione fondi extraregionali di natura non comunitaria (FRM, PAC, FAS), supporto alle attività di monitoraggio e controllo.

Tenuta ed aggiornamento del fascicolo azienda.

Unità Operativa - Gestione delle risorse naturalistiche - Ripartizione faunistico-venatoria

Programmazione, progettazione ed esecuzione degli interventi per il miglioramento, salvaguardia e tutela del patrimonio ambientale nelle aree protette. Gestione delle attività di fruizione delle aree protette.

Attività relative al rilascio di autorizzazioni e NN.OO., valorizzazione degli habitat e delle attività antropiche sostenibili nelle aree protette, ecc..

Collaborazione operativa e/o tecnico-scientifica per i programmi di studio e ricerca in materia ambientale.

Valorizzazione degli habitat e delle attività antropiche sostenibili nelle aree protette.

Attività di coordinamento ed approvazione dei piani di vigilanza venatoria.

Adempimenti connessi alla disciplina delle attività e dell'esercizio venatorio.

Attività istruttoria degli adempimenti a seguito di danni da fauna selvatica.

Interventi per la protezione ed il potenziamento del patrimonio faunistico.

Attività istruttoria costituzione aziende faunistico-venatorie ed agro-venatorie.

Iniziative di miglioramento ambientale ed attività di studio, tutela e propaganda fauna selvatica.

Rilevamenti statistici presenze faunistiche e formulazione proposte per calendario venatorio.

Altri adempimenti previsti dalla L.R. 33/1997.

Attività di promozione e divulgazione ambientale.

Unità Operativa - Valorizzazione e gestione del territorio

Programmazione e progettazione interventi forestali e territoriali, gestione del demanio, miglioramento e salvaguardia del patrimonio forestale. Piano Triennale OO.PP. ed elenco annuale.

Piani di gestione forestale.

Proposte operative finalizzate all'ampliamento del demanio forestale ed esecuzione dei programmi di ampliamento approvati.

Carta ed inventario forestale.

Monitoraggio dello stato di salute dei boschi. Monitoraggio interventi forestali.

Convenzioni con Enti ed organismi per la realizzazione di interventi forestali (art. 14 L.R. 16/1996 e s.m.i. e art. 25 L.R. 9/2013).

Gestione vivai forestali e centri di conservazione germoplasma, azienda pilota e sperimentali.

Occupazioni temporanee di terreni.

Tenuta ed aggiornamento del registro dei beni immobili demaniali.

Programmazione e gestione interventi per l'utilizzo dei terreni demaniali, dei fabbricati e degli alloggi demaniali, dei servizi per la qualità della vita e la ricettività delle aree rurali.

Gestione concessioni dei beni demaniali, vendita dei prodotti del demanio (legna da ardere, postime forestale, decortica sughero, erbe da pascolo, ecc...). Biomasse forestali.

Adempimenti connessi all'accertamento delle entrate. Monitoraggio delle entrate.

Attività di promozione e divulgazione forestale.

 

Allegato C

Assessorato regionale dell'energia e dei servizi di pubblica utilità - Dipartimento regionale dell'acqua e dei rifiuti -

UNITÀ DI STAFF

UNITÀ OPERATIVA DI STAFF l - SEGRETERIA DEL DIPARTIMENTO

Segreteria del Dirigente Generale. Attività di supporto al Dirigente Generale nelle funzioni demandate da leggi e regolamenti. Attività di supporto al Dirigente Generale negli affari riservati ed avocati. Predisposizione atti d'indirizzo e coordinamento del Dirigente Generale. Tenuta registro dei pareri. Archivio fogli vettore. Raccolta decreti e circolari. Ricevimento della corrispondenza e smistamento alle strutture intermedie. Coordinamento attività ed acquisizione degli elementi di risposta all'attività ispettiva parlamentare (interrogazioni, interpellanze ecc.). Rapporti e collegamento con U.E., MATTM. ed altri Ministeri, organismi nazionali e regionali, Presidenza Regione, Assessorati regionali ed Enti Locali su materie di interesse generale e comune. Referente conferenza Stato Regioni. Rapporti con il Servizio di Pianificazione e Controllo Strategico. Gestione del fondo di amministrazione per il miglioramento delle prestazioni, piani di lavoro per il personale del comparto non dirigenziale e progetti obiettivo. Incarichi e contrattualizzazioni dirigenziali. Funzionigramma e organigramma. Rapporti con le organizzazioni sindacali. Attività di comunicazione per le materie di competenza del Dipartimento.

Gestione del personale assegnato all'unità operativa, gestione del protocollo informatico, archiviazione.

UNITÀ OPERATIVA DI STAFF 2 - MONITORAGGIO E CONTROLLO FONDI COMUNITARI, NAZIONALI E REGIONALI

Attività di monitoraggio degli interventi del PO FESR 2014-2020 e dei precedenti programmi operativi, nonché di tutti gli investimenti pubblici finanziati con risorse nazionali e regionali (A.P.Q., PAC, FSC, età).

Controlli di primo livello per le azioni di competenza del corrispondente Centro di Responsabilità per il PO FESR 2014-2020, il PO FESR Sicilia 2007-2013, per FSC e per il PAC: Verifiche amministrative rispetto a ciascuna domanda di rimborso presentata dai beneficiari, propedeutiche alla certificazione delle spese alla UE, verifiche sul posto delle operazioni (effettuate su base campionaria, con il supporto, per competenza, del Dipartimento Regionale Tecnico);

Validazione sul sistema Caronte dei dati di certificazione di spesa;

Controlli per gli interventi di Strumenti di Ingegneria Finanziaria (ove pertinenti);

Comunicazioni delle irregolarità;

Attività di competenza connesse alla chiusura dei Programmi Operativi.

Controllo finanziario e procedurale degli interventi inseriti in AA.PP.QQ..

Rapporti con gli uffici competenti (Ufficio speciale controlli secondo livello, Autorità di gestione, Autorità di pagamento ed altri uffici).

Elaborazioni delle comunicazioni OLAF.

Gestione del personale assegnato all'unità operativa, gestione del protocollo informatico, archiviazione.

UNITÀ OPERATIVA DI STAFF 3 - CONTROLLI INTERNI DI GESTIONE

Applicazione della disciplina di cui al decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 286 e successive modifiche ed integrazioni in materia di controlli interni di gestione.

Snellimento procedimenti amministrativi (art. 29 legge regionale 7 marzo 1997, n. 6). Nucleo ispettivo ex art. 4-bis L.R. n. 2/2011. Referente interno per l'attuazione del P.T.P.C. e del P.T.T.I. ex L. n. 190/2012 e D.Lgs. n. 33/2013. Gestione del personale assegnato all'unità operativa, gestione del protocollo informatico, archiviazione.

UNITÀ OPERATIVA DI STAFF 4 - REGOLAZIONE DELLE ACQUE - RIFIUTI E BONIFICHE

Attività di supporto al Dirigente Generale e monitoraggio delle attività relative alle Acque ed al Servizio Idrico Integrato ed alle relative Infrastrutture, alla Gestione Integrata dei Rifiuti, delle Bonifiche ed alle Autorizzazioni impiantistiche.

Rapporti con i relativi Servizi del Dipartimento.

Attività generale e amministrativa, legale, contabile e contenzioso in materia di acque e rifiuti.

Gestione del personale assegnato all'unità operativa, gestione del protocollo informatico, archiviazione.

AREE

AREA l - AFFARI GENERALI

Istruire i rapporti con le Amministrazioni pubbliche centrali finalizzati a favorire il conseguimento degli obiettivi del Dipartimento nelle materie di competenza.

Individuare i criteri per lo sviluppo dell'assetto logistico delle strutture operative in termini di funzionalità e di ergonomia;

Curare la corretta applicazione dell'art. 10 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, avente per oggetto: "Trasparenza delle Amministrazioni Pubbliche".

Curare la redazione degli schemi di convenzioni con Enti ed Istituzioni. Evadere le richieste provenienti dagli uffici competenti in ordine alla gestione della rilevazione del personale.

Formulare proposte di variazione per la gestione di competenza e per la gestione residui. Curare, in coerenza con il modello organizzativo del Dipartimento, lo sviluppo del sistema informativo aziendale, il potenziamento dell'infrastruttura tecnologica, l'integrazione con i sistemi che operano nelle altre amministrazioni, nonché l'adeguamento e l'implementazione delle procedure automatizzate.

Curare, su indicazione degli uffici interessati, la soluzione delle problematiche connesse all'accesso alle banche dati del Dipartimento.

Studiare e realizzare, d'intesa con gli uffici interessati, nuovi processi di comunicazione telematica interna ed esterna con l'utenza, curare l'erogazione di informazioni e servizi via Internet nonché servizi personalizzati per gli utenti.

Provvede allo studio, alla progettazione e all'aggiornamento delle fonti normative interne.

Predispone il piano di comunicazione volto al posizionamento dell'immagine del Dipartimento nel contesto socioculturale regionale, con particolare attenzione nei confronti degli interlocutori istituzionali e dell'utenza di riferimento; Attività strumentali e serventi la struttura e l'organizzazione del lavoro. Attività di rilievo generale del Dipartimento non riconducibili alla competenza delle singole strutture. Attività relativa alla gestione dei beni mobili ed informatici, manutenzioni ordinarie e riparazioni, spese urgenti e indifferibili per il ripristino di condizioni di igiene e sicurezza sia per immobili che per impianti e attrezzature, spese per la sorveglianza sanitaria, acquisti di dispositivi di protezione individuale e collettiva, spese per l'acquisto di beni di consumo per funzionamento degli uffici; spese per noleggio o leasing di macchine e attrezzature. Cassa e economato. Coordinamento e Supporto agli Uffici centrali e periferici del Dipartimento, delle attività amministrative, per il funzionamento e la gestione degli uffici centrali, decentrati e periferici del Dipartimento, spese postali e telegrafiche; utenze, servizi ausiliari e spese di pulizia. Attività di gestione degli immobili per gli uffici decentrati e periferici. Attività di collegamento e raccordo per i servizi comuni ai Dipartimenti. Rapporti con la società di gestione del Patrimonio immobiliare della Regione Siciliana. Adempimenti connessi al D.Lgs. n. 196/03 (Privacy). Coordinamento dell'attuazione del D.Lgs. n. 82/05 "Codice dell'Amministrazione digitale". Repertorio dei decreti. Archivio storico e protocollo.

Predisposizione schema di previsione delle entrate e delle spese del Dipartimento, verifica e accertamento dei residui. Richieste di variazioni di bilancio su proposta dei Servizi. Ufficiale Rogante del Dipartimento. Acquisizione dati per giudizio di parificazione del Rendiconto generale da parte della Corte dei Conti.

Attività di monitoraggio, analisi, previsioni per categoria di spesa e rendicontazione degli interventi e progetti a valere sulle Misure Comunitarie, APQ ed altri interventi extra-regionali e regionali.

Adempimenti sistema telematico "Comuniko".

Gestione del personale assegnato, gestione del protocollo informatico, archiviazione.

UNITÀ OPERATIVA 1 - GESTIONE RISORSE UMANE - FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE

Organizzazione e gestione del personale e delle risorse umane del Dipartimento. R.A.P. Applicazione contrattualistica collettiva. Predisposizione Nulla-osta trasferimenti. Istruttoria per la liquidazione spese Indennità mensa e lavoro straordinario. Istruttoria e liquidazione spese di missione del personale in servizio presso il Dipartimento. Predisposizione Autorizzazioni incarichi esterni. Collegamento e raccordo con il Servizio trattamento economico e giuridico del personale del Dipartimento Funzione Pubblica. Rilevazione mensile sulle assenze dei dipendenti pubblici a tempo indeterminato. Referente formativo del Dipartimento. Rilevazione, programmazione, gestione, monitoraggio e coordinamento delle esigenze formative e di aggiornamento del personale del Dipartimento.

Gestione del personale assegnato all'unità operativa, gestione del protocollo informatico, archiviazione.

UNITÀ OPERATIVA 2 - COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE - U.R.P. - PROTOCOLLO INFORMATICO E BIBLIOTECA

Coordinamento dell'attuazione della Direttiva 24 marzo 2004 "Rilevazione della qualità percepita dai cittadini" emanata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento della Funzione Pubblica, finalizzata alla ed. Customer Satisfaction del cittadino. Rapporti con l'utenza. Produzione e diffusione, anche per via telematica, di dossier informatici e di newsletter sulle materie di competenza del Dipartimento.

Attività inerente il protocollo informatico e i flussi documentali orizzontali e verticali, la digitalizzazione degli archivi in conformità al codice digitale in vigore ed al D.Lgs. 196/03 in materia di Privacy. Gestione della biblioteca e dell'emeroteca.

Gestione del personale assegnato all'unità operativa, gestione del protocollo informatico, archiviazione.

AREA 2 - PROGRAMMAZIONE FONDI COMUNITARI, NAZIONALI E REGIONALI

Predisposizione, di concerto con le altre strutture del Dipartimento e d'intesa con il Dipartimento della Programmazione, degli atti e dei programmi di intervento comunitario, nazionale e regionale.

Attività di coordinamento e raccordo con i Servizi, con l'UMC del Dipartimento e con il Dipartimento Programmazione, per la verifica dell'attuazione dei Programmi comunitari, degli APQ e degli altri strumenti di programmazione unitaria, predisposizione relazioni sull'attuazione dei programmi.

Attività di coordinamento e raccordo con i Servizi del Dipartimento per l'individuazione di proposte di riprogrammazione e rimodulazione finanziaria dei programmi comunitari e degli strumenti della Politica Regionale Unitaria (APQ, etc).

Elaborazione dei dati e delle informazioni acquisite dai Servizi e dall'UMC del Dipartimento, per la trasmissione al Dipartimento Programmazione dei contributi per il Rapporto annuale di esecuzione.

Attività di comunicazione relativa agli strumenti comunitari. Coordinamento delle attività di assistenza tecnica.

Supporto al Dirigente Generale per la partecipazione ai Tavoli Tecnici interdipartimentali, Tavoli partenariali ed ai tavoli del Comitato di Sorveglianza.

Attività di programmazione e coordinamento relativo ai programmi di cooperazione transnazionale.

Verifica della compatibilità delle norme proposte con i regimi di aiuto.

Supporto nel coordinamento dei rapporti con la Conferenza Stato - Regioni relativamente alle competenze del Dipartimento.

Gestione del personale assegnato all'unità operativa, gestione del protocollo informatico, archiviazione.

SERVIZI

SERVIZIO 1 - GESTIONE ED ATTUAZIONE DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

Attività correlata alla Pianificazione sulle acque in Sicilia con l'utilizzo dei fondi comunitari e di risorse nazionali e regionali. Controllo e regolazione del sistema gestionale degli ATO e del Sovrambito nel settore della pianificazione.

Vigilanza e controllo sugli enti di settore ivi inclusi, per le materie di competenza, gli enti locali.

Formulare proposte di variazione per la gestione di competenza e per la gestione residui.

Predisposizione relazione per la trasmissione annuale alla competente commissione legislativa dell'Assemblea regionale siciliana di una relazione del Dipartimento sull'attività svolta;

Adempimenti sistema telematico "Comuniko"

Attività di monitoraggio, analisi, previsioni per categoria di spesa e rendicontazione degli interventi e progetti a valere sulle Misure Comunitarie, APQ ed altri interventi extra-regionali e regionali, ivi compresi gli interventi nel settore della dissalazione e depurazione derivanti dall'ex "Emergenza Isole Eolie" (O.C.D.P.C. n. 159 del 21 marzo 2014 e ss.mm.ii), dall'ex "Emergenza Lampedusa" (O.C.D.P.C. n. 33 del 28 dicembre 2012 e ss.mm.ii) nonché gli interventi nel settore della depurazione e delle condotte fognarie ex "Emergenza bonifica e risanamento ambientale Regione Siciliana" (O.C.D.P.C. n. 44 del 29 gennaio 2013 e ss.mm.ii);

Gestione del personale assegnato, gestione del protocollo informatico, archiviazione.

UNITÀ OPERATIVA 1 - GESTIONE DELLE RISORSE IDRICHE

Attuazione degli interventi di A.P.Q. relativi al sovrambito nei vari settori di pertinenza idrica (potabile, irriguo, industriale) con l'utilizzo dei fondi comunitari, di risorse nazionali e regionali e completamento delle procedure inerenti gli interventi già imputati a precedenti misure;

Attuazione degli interventi inclusi nel PAR FAS;

Attività di coordinamento e/o approvvigionamento idropotabile delle isole minori e rapporti con i competenti Ministeri e loro Organi decentrati. Gestione dei rapporti contrattuali con i gestori Impianti di Dissalazione del Territorio Siciliano e delle Isole Minori;

Gestione del personale assegnato all'unità operativa, gestione del protocollo informatico, archiviazione.

UNITÀ OPERATIVA 2 - SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

Attuazione degli interventi di A.P.Q. relativi al S.I.I. nei vari settori di pertinenza idrica (potabile, fognario depurativo, trattamento delle acque e riuso del refluo) con l'utilizzo dei fondi comunitari e di risorse nazionali e regionali e completamento delle procedure inerenti gli interventi già imputati a precedenti misure;

Gestione del personale assegnato all'unità operativa, gestione del protocollo informatico, archiviazione.

UNITÀ OPERATIVA 3 - TUTELA DEI CORPI IDRICI, QUALITÀ DELLE ACQUE, IMPIANTI DI TRATTAMENTO PER IL RIUSO DEL REFLUO

Rilascio autorizzazioni allo scarico, ai sensi dell'art. 40 L.R. 27/86 e dell'art 124 del D.Lgs. 152/2006, per gli impianti di depurazione del Servizio Idrico Integrato.

Rilascio autorizzazioni allo scarico finalizzate al riutilizzo delie Acque Reflue depurate, ai sensi del Decreto del Ministero dell'Ambiente 185/2003, relativamente ad Impianti di depurazione del Servizio Idrico Integrato.

Gestione del personale assegnato all'unità operativa, gestione del protocollo informatico, archiviazione.

SERVIZIO 2- OSSERVATORIO DELLE ACQUE

UNITÀ OPERATIVA 1 - CLIMATOLOGIA, IDROGRAFIA E IDROLOGIA - SALA DI VIGILANZA

SERVIZIO 3 - PIANIFICAZIONE, REGOLAZIONE ED USO DELLE ACQUE

Coordinamento Unità operative acque presso gli Uffici del Genio Civile.

Formulare proposte di variazione per la gestione di competenza e per la gestione residui.

Predisposizione relazione per la trasmissione annuale alla competente commissione legislativa dell'Assemblea regionale siciliana di una relazione del Dipartimento sull'attività svolta.

Attività di monitoraggio; analisi; previsioni per categoria di spesa e rendicontazione degli interventi e progetti a valere sulle Misure Comunitarie, APQ ed altri interventi extra-regionali e regionali.

Adempimenti sistema telematico "Comuniko"

Gestione del personale assegnato, gestione del protocollo informatico, archiviazione.

UNITÀ OPERATIVA 1 - ADEMPIMENTI IN MATERIA DI ACQUE

Adempimenti di cui al T.U. 11/12/1933 n. 1775 e s.m.i., in materia di acque;

Gestione del personale assegnato all'unità operativa, gestione del protocollo informatico, archiviazione.

UNITÀ OPERATIVA 2 - PIANIFICAZIONE SULLE ACQUE IN SICILIA

SERVIZIO 4 - GESTIONE INFRASTRUTTURE PER LE ACQUE

Attuazione degli interventi inclusi nel PAR FAS inerenti le infrastrutture per le acque (dighe, opere annesse e grandi adduttori). Sviluppo, studi e progettazioni. Gare e supporto ai RUP. Esecuzione opere. Autorità di espropriazione in materia di acque. Coordinamento ed assistenza ai consorzi di bonifica relativamente alla programmazione e realizzazione di infrastrutture irrigue ed alla gestione delle opere.

Formulare proposte di variazione per la gestione di competenza e per la gestione residui.

Formulazione di proposte di revisione della disciplina vigente;

Formulazione di proposte in materia di tutela dei diritti degli utenti;

Predisposizione relazione per la trasmissione annuale alla competente commissione legislativa dell'Assemblea regionale siciliana di una relazione del Dipartimento sull'attività svolta;

Attività di monitoraggio, analisi, previsioni per categoria di spesa e rendicontazione degli interventi e progetti a valere sulle Misure Comunitarie, APQ ed altri interventi extra-regionali e regionali.

Adempimenti sistema telematico "Comuniko"

Gestione del personale assegnato, gestione del protocollo informatico, archiviazione.

UNITÀ OPERATIVA 1 - SEGRETERIA TECNICA AMMINISTRATIVA

Coordinamento amministrativo in materia di dighe e grandi adduttori;

Tenuta dei rapporti con il registro italiano dighe.

coordinamento tecnico in materia di dighe e grandi adduttori

coordinamento controlli strumentali ed automazione;

coordinamento gestione e manutenzione impianti oleodinamici e meccanici;

coordinamento gestione e manutenzione impianti elettrici, geologia, geotecnica e progetti di gestione degli invasi;

Gestione del personale assegnato all'unità operativa, gestione del protocollo informatico, archiviazione.

UNITÀ OPERATIVA 2 - COORDINAMENTO TERRITORIALE l SICILIA OCCIDENTALE

esercizio e manutenzione dei seguenti sistemi:

sistema diga Rubino;

sistema dighe Paceco e Zafferana;

sistema diga Garcia;

sistema diga ed adduttore Poma;

sistema diga Rosamarina ed adduttore S. Leonardo;

sistema diga Scansano - Rossella.

sistema diga Trinità

Gestione del personale assegnato all'unità operativa, gestione del protocollo informatico, archiviazione.

UNITÀ OPERATIVA 3 - COORDINAMENTO TERRITORIALE 2 SICILIA CENTRALE

esercizio e manutenzione dei seguenti sistemi:

sistema diga Arancio;

sistema diga e adduttore Castello - diga Gorgo;

sistema dighe Furore - San Giovanni;

sistema dighe Olivo - Sciaguana;

sistema dighe Nicoletti - Villarosa;

sistema diga Pasquasia.

Gestione del personale assegnato all'unità operativa, gestione del protocollo informatico, archiviazione.

UNITÀ OPERATIVA 4 - COORDINAMENTO TERRITORIALE 3 SICILIA ORIENTALE

esercizio e manutenzione dei seguenti sistemi:

sistema dighe Cimia - Disueri;

sistema diga Don Sturzo;

sistema dighe Lentini - traversa Ponte Barca;

sistema dighe Comunelli - Gibbesi;

sistema diga Pozzillo;

sistema diga Santa Rosalia ed adduttore Irminio.

Gestione del personale assegnato all'unità operativa, gestione del protocollo informatico, archiviazione.

SERVIZIO 5 - GESTIONE INTEGRATA RIFIUTI

Competenze di cui alla parte quarta, ivi comprese quelle all'art. 195 e 206-bis, del D.Lgs. 152/2006 e successive modifiche ed integrazioni, nonché quelle di cui alla L.R. 8 aprile 2010 n. 9 e ss. mm. ii, con particolare riferimento alla prevenzione della produzione della quantità e della pericolosità dei rifiuti ed all'efficacia, all'efficienza ed all'economicità della gestione dei rifiuti, degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio, nonché alla tutela della salute pubblica e dell'ambiente, tra le quali la regolamentazione delle attività di gestione dei rifiuti, ivi compresa la raccolta differenziata dei rifiuti urbani, anche pericolosi, con l'obiettivo prioritario della separazione dei rifiuti di provenienza alimentare, degli scarti di prodotti vegetali e animali, o comunque ad alto tasso di umidità, dai restanti rifiuti (art. 196. comma 1, lettera b).

Predisposizione di rapporto annuale sulla gestione dei rifiuti, degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio (art. 206-bis, comma 1, lettera g);

Formulare proposte di variazione per la gestione di competenza e per la gestione residui;

Attività di monitoraggio, analisi, previsioni per categoria di spesa e rendicontazione degli interventi e progetti a valere sulle Misure Comunitarie, APQ ed altri interventi extra-regionali e regionali, ivi compresi gli interventi nel settore dei rifiuti derivanti dall'ex "Emergenza Rifiuti Regione Siciliana" (O.C.D.P.C. n. 148 del 18 febbraio 2014 e ss.mm.ii) e dall'ex "Emergenza Lampedusa" (O.C.D.P.C. n. 33 del 28 dicembre 2012 e ss.mm.ii);

Adempimenti sistema telematico "Comuniko";

Gestione del personale assegnato, gestione del protocollo informatico, archiviazione.

UNITÀ OPERATIVA 1 - PROGRAMMAZIONE E PIANIFICAZIONE PER LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI

Pianificazione e regolamentazione nell'ambito della gestione integrata dei rifiuti compresa l'utilizzazione di programmi di finanziamento comunitari, nazionali e regionali.

Predisposizione e aggiornamento, sentite le Province ed i comuni, dei piani regionali di gestione dei rifiuti (art. 196, comma 1, lettera a) coordinalo con tutti gli altri strumenti di pianificazione regionale previsti dalla norma vigente, nonché predisposizione di tutti gli atti di adozione inerenti la pianificazione nel campo della gestione integrata dei rifiuti in conformità alla pianificazione regionale.

Delimitazione, in deroga all'ambito provinciale, degli ambiti ottimali per la gestione dei rifiuti urbani e assimilati (art. 196. comma l, lettera g e L.R. 9/2010);

Elaborazione ed aggiornamento permanente di criteri e specifici obiettivi d'azione, nonché definizione ed aggiornamento permanente di un quadro di riferimento sulla prevenzione e sulla gestione dei rifiuti, anche attraverso l'elaborazione di linee guida sulle modalità di gestione dei rifiuti per migliorarne efficacia, efficienza e qualità, per promuovere la diffusione delle buone pratiche e delle migliori tecniche disponibili per la prevenzione, le raccolte differenziate, il riciclo e lo smaltimento dei rifiuti (art. 206-bis. comma 1, lettera b);

"Piani di gestione e raccolta dei rifiuti prodotti dalle navi e dei residui del carico" di cui all'art 5 del Decreto legislativo 182/2003 nei Porti della Sicilia, valutazione dei Piani, prescrizioni relative all'attuazione del Piano regionale dei Rifiuti, vigilanza sugli Enti ed eventuali commissariamenti adottati.

Osservatorio giuridico e predisposizione delle norme per disciplinare la gestione integrata dei rifiuti.

Gestione del personale assegnato all'unità operativa, gestione del protocollo informatico, archiviazione.

UNITÀ OPERATIVA 2 - GESTIONE INTEGRATA RIFIUTI - REGOLAMENTAZIONE

Attuazione A.P.Q. e protocolli d'intesa ed utilizzazione delle risorse comunitarie, regionali, nazionali ed europee in materia di rifiuti e relativa attività di controllo;

Promozione della Gestione Integrata Dei Rifiuti, della riduzione della produzione e recupero, Informazione e Comunicazione, Promozione Ecoimballaggi e Tecnologie Impiantistiche a Basso Impatto Ambientale (art. 196, comma 1, lettere i. l e L.R. 9/2010).

Autorizzazione a conferire in discarica (art. 1, comma 2, L.R. 9/2010).

Vigilanza sulla gestione dei rifiuti, degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio (art. 206-bis. comma 1, lettera a);

Verifica attuazione e raggiungimento degli obiettivi di recupero e di riciclaggio (art. 206-bis. comma 1, lettera d);

Verifica costi di gestione dei rifiuti, delle diverse componenti dei costi medesimi e delle modalità di gestione, nonché analisi comparative tra i diversi ambiti di gestione, evidenziando eventuali anomalie (art. 206-bis, comma 1, lettera e);

Verifica livelli di qualità dei servizi erogati (art. 206-bis. comma 1, lettera f);

Pubblicizzazione e diffusione con cadenza periodica della conoscenza delle condizioni di svolgimento dei servizi al fine di garantire la massima trasparenza.

Disciplina controllo, anche in forma sostitutiva, ferme restando le competenze degli Enti di cui agli art. 197 e 198 del D.Lgs. 152/2006, delle operazioni di gestione dei rifiuti, della funzionalità dei relativi impianti e del rispetto dei limiti e delle prescrizioni previsti dalle relative autorizzazioni (art. 200, comma 4).

Interventi ispettivi e sostituivi in materia di gestione integrata dei rifiuti e problematiche correlate (art. 6 L.R. 7/2011).

Banca dati degli impianti e della gestione integrata dei rifiuti;

Gestione del personale assegnato all'unità operativa, gestione del protocollo informatico, archiviazione.

SERVIZIO 6 - BONIFICHE

Competenze di cui alla parte quarta, ivi comprese quelle all'art. 195 del D.Lgs. 152/2006 e successive modifiche ed integrazioni, in armonia con la relativa legislazione regionale, con particolare riferimento alla elaborazione, approvazione ed aggiornamento dei piani per la bonifica e ripristino ambientale di aree inquinate di propria competenza, definendo le procedure, i criteri e le modalità per lo svolgimento delle operazioni necessarie per l'eliminazione delle sorgenti dell'inquinamento e comunque per la riduzione delle concentrazioni di sostanze inquinanti, nonché per gli interventi di bonifica disciplinati da leggi speciali, se non nei limiti di quanto espressamente richiamato dalle medesime o di quanto dalle stesse non disciplinato, ivi compresi gli interventi di bonifica e ripristino ambientale per le aree caratterizzate da inquinamento diffuso da disciplinare con appositi piani (art. 239)

Interventi finanziari in favore di Comuni singoli o associati finalizzati alla bonifica di siti contaminati da amianto e sulla loro bonifica nonché sui processi di smaltimento dei materiali contenenti amianto, indicati nei rispettivi "Piani comunali amianto" (art. 10 L.R. 10/2014);

Informazioni all'Ufficio Amianto, per le competenti commissioni legislative, relative ai costi sostenuti ed ai risultati ottenuti in attuazione della normativa regionale di riferimento (art. 15 L.R. 10/2014);

Definizione criteri di premialità per gli enti e i soggetti pubblici e privati che adottano interventi utili alla prevenzione, individuazione e risanamento di siti, impianti, edifici e manufatti contenenti amianto, (art. 4, comma 2, L.R. 10/2014)

Formulare proposte di variazione per la gestione di competenza e per la gestione residui.

Attività di monitoraggio, analisi, previsioni per categoria di spesa e rendicontazione degli interventi e progetti a valere sulle Misure Comunitarie, APQ ed altri interventi extra-regionali e regionali, ivi compresi gli interventi nel settore della depurazione e delle condotte fognarie derivanti dall'ex "Emergenza bonifica e risanamento ambientale Regione Siciliana" (O.C.D.P.C. n. 44 del 29 gennaio 2013 ss.mm.ii).

Adempimenti sistema telematico "Comuniko"

Gestione del personale assegnato, gestione del protocollo informatico, archiviazione.

UNITÀ OPERATIVA 1 - PIANIFICAZIONE E REGOLAMENTAZIONE GESTIONE DEI SITI INQUINATI.

Pianificazione e regolamentazione nell'ambito della bonifica di aree inquinate, anche relativa ai programmi di finanziamento comunitari, nazionali e regionali.

Elaborazione, l'approvazione e l'aggiornamento dei piani per la bonifica di aree inquinate di propria competenza (art. 196, comma 1, lettera c) che costituiscono parte integrante dei Piani Regionali di gestione dei rifiuti, nonché predisposizione di tutti gli atti di adozione ed approvazione inerenti la pianificazione, la regolamentazione nel campo della bonifica di aree inquinate e supporto tecnico per la riperimetrazione delle aree SIN;

Individuazione degli obiettivi da raggiungere in materia di Bonifica dei Siti inquinati

Redazione di linee guida ed i criteri per la predisposizione e l'approvazione dei progetti di bonifica e di messa in sicurezza, nonché l'individuazione delle tipologie di progetti non soggetti ad autorizzazione, nel rispetto di quanto previsto all'articolo 195, comma 1, lettera r), del D.Lgs. 152/06 (art. 196, comma 1. lettera h);

Censimento, anagrafe dei siti da bonificare ed aggiornamento ai sensi dell'art. 251 D.Lgs. 152/06;

Osservatorio giuridico e predisposizione delle norme per disciplinare l'attività di Bonifica dei Siti Inquinati;

Gestione del personale assegnato, gestione del protocollo informatico, archiviazione.

UNITÀ OPERATIVA 2 - BONIFICHE DEI SITI INQUINATI.

Attuazione degli interventi previsti dal "Piano di protezione dell'ambiente, di decontaminazione, di smaltimento e di bonifica, ai fini della difesa dai pericoli derivanti dall'amianto" della L.R. 10/2014 nonché della normativa nazionale in materia di amianto in raccordo con l'Ufficio Speciale Amianto del Dipartimento regionale della Protezione Civile;

Bonifiche dei siti inquinati attraverso gli interventi previsti all'art 240 del D.Lgs. 152/06 e la loro disciplina anche in riferimento alle procedure individuate agli art. 242, 242-bis e seguenti ed alle procedure semplificate di cui all'Allegato 4 alla parte quarta dello stesso Decreto; Realizzazione degli interventi per ciascuna provincia previsti nel Piano delle Bonifiche.

Attuazione A.P.Q. e protocolli d'intesa ed utilizzazione delle risorse regionali, nazionali ed europee in materia di bonifiche. Attuazione legge n. 388/2000. Attuazione D.M. n. 468/2001.

Completamento delle procedure inerenti gli interventi imputati alle misure precedenti.

Attuazione dei programmi di finanziamento in materia di bonifiche e relativa attività di controllo.

Siti d'Interesse Nazionale di: Gela (CL), Biancavilla (CT), Milazzo (ME), Priolo (SR).

Gestione del personale assegnato all'unità operativa, gestione del protocollo informatico, archiviazione.

SERVIZIO 7 - AUTORIZZAZIONI IMPIANTI GESTIONE RIFIUTI - A.I.A.

Definizione di criteri per l'individuazione, da parte delle province, delle aree non idonee alla localizzazione degli impianti di smaltimento e di recupero dei rifiuti, nel rispetto dei criteri generali indicati nell'articolo 195, comma 1, lettera p), (art. 196, comma 1, lettere n);

Definizione dei criteri per l'individuazione dei luoghi o impianti idonei allo smaltimento e la determinazione, nel rispetto delle norme tecniche di cui all'articolo 195, comma 2, lettera a), di disposizioni speciali per rifiuti di tipo particolare, (art. 196, comma 1, lettere o);

Collaborazione per i profili di competenza alla Pianificazione in materia di Gestione dei Rifiuti.

Applicazione del Protocollo di Legalità e Patti di Integrità ed informative prefettizie.

Applicazione dei protocolli anticorruzione e trasparenza.

Decreti di accertamento relativi ai capitoli in entrata:

Gestione del personale assegnato, gestione del protocollo informatico, archiviazione.

UNITÀ OPERATIVA 1 - AUTORIZZAZIONI UNICA IMPIANTI DI SMALTIMENTO E RECUPERO RIFIUTI

Rilascio di nuove autorizzazioni, rinnovi e/o modifiche ad impianti fissi e mobili di recupero e/o smaltimento di rifiuti (approvazione progetti e autorizzazione) con le modalità dell'art. 208 del D.Lgs. n. 152/06, (art. 196, comma 1, lettera d).

Rinnovo delle autorizzazioni alle imprese in possesso di certificazione ambientale con le modalità dell'art 209 del D.Lgs. n. 152/06, (art. 196, comma 1, lettera e).

Approvazione Garanzie fideiussorie.

Procedure amministrative a seguito di verbali di ispezione delle Autorità di Controllo.

Banca dati degli impianti e della gestione integrata dei rifiuti;

Gestione del personale assegnato all'unità operativa, gestione del protocollo informatico, archiviazione.

UNITÀ OPERATIVA 2 - AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE PER LE PROVINCE DI CATANIA, ENNA, MESSINA, RAGUSA, SIRACUSA

Istruttorie relative alla procedura di Autorizzazione Integrata Ambientale (D.Lgs. n. 152/06).

Approvazione Garanzie fideiussorie.

Procedure amministrative a seguito di verbali di ispezione delle Autorità di Controllo.

Banca dati degli impianti e della gestione integrata dei rifiuti;

Gestione del personale assegnato all'unità operativa, gestione del protocollo informatico, archiviazione.

UNITÀ OPERATIVA 3 - AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE PER LE PROVINCE DI AGRIGENTO, CALTANISETTA, PALERMO E TRAPANI; SPEDIZIONI TRANSFRONTALIERE E IMPIANTI RICERCA E SPERIMENTAZIONE.

Istruttorie relative alla procedura di Autorizzazione Integrata Ambientale (D.Lgs. n. 152/06).

Istruttorie relative a pareri endoprocedimentali, in materia di gestione di rifiuti per autorizzazioni di competenza di altre Amministrazioni.

Rilascio di autorizzazione di impianti di ricerca e di sperimentazione (art. 211 del D.Lgs. n. 152/06).

Spedizioni transfrontaliere (art. 194 del D.Lgs. 152/06).

Approvazione Garanzie fideiussorie.

Procedure amministrative a seguito di verbali di ispezione delle Autorità di Controllo.

Banca dati degli impianti e della gestione integrata dei rifiuti;

Gestione del personale assegnato all'unità operativa, gestione del protocollo informatico, archiviazione.

SERVIZIO 8 - ISPETTORATO

Controllo nel territorio, anche su richiesta delle relative strutture dipartimentali, delle condizioni di svolgimento dei servizi e di accesso e di corretta fruizione degli stessi da parte degli utenti e delle tariffe applicate per i servizi anche con riferimento al rilevamento delle singole voci di costo, al fine di garantire eguaglianza di condizioni nella erogazione dei vari servizi, ... gestione integrata rifiuti, tenendo conto delle esigenze degli utenti, ivi comprese le fasce più deboli, e garantendo altresì il rispetto dell'ambiente, della sicurezza degli impianti e della salute degli addetti e dei cittadini. L'attività ispettiva dovrà comprendere: la individuazione di situazioni di criticità ed irregolare funzionamento dei servizi di gestione integrata dei rifiuti, di inosservanza delle normative vigenti in materia di tutela dei consumatori, monitoraggio di situazioni di criticità ed irregolare funzionamento dei servizi di gestione integrata dei rifiuti; di inosservanza delle normative vigenti in materia di tutela dei consumatori; la vigilanza e controllo sugli enti di settore ivi inclusi, per le materie di competenza dipartimentale, gli enti locali; la proposta di interventi ispettivi e sostituivi in materia di gestione integrata dei rifiuti; la raccolta dei dati rilevati sulla banca dati degli impianti e della gestione integrata dei rifiuti. L'attività ispettiva sulle materie di competenza verrà espletata anche attraverso sedi territorialmente decentrate del Servizio; le stesse sedi decentrate cureranno altresì un servizio di front-office all'utenza territoriale.

Gestione del personale assegnato, ivi compreso quello nelle sedi territorialmente decentrate, gestione del protocollo informatico, archiviazione.

Banca dati degli impianti e della gestione integrata dei rifiuti.

 

Allegato D

Assessorato regionale del territorio e dell'ambiente dipartimento regionale dell'ambiente

UNITÀ DI STAFF

STAFF 1 DI DIREZIONE E CONTROLLO

Ufficio relazioni con il pubblico e adempimenti relativi.

Atti di indirizzo amministrativi

Atti di indirizzo interni di competenza

Attuazione delle leggi di riforma dell'Amministrazione regionale

Contrattazione decentrata per le modifiche al funzionigramma del Dipartimento

Contrattazione individuale dell'area della dirigenza

Controllo interno di gestione. Valutazione comparto non dirigenziale

Coordinamento istruttoria e formulazione delle risposte relative agli atti ispettivi parlamentari

Predisposizione atti per la contrattualizzazione dei dirigenti.

Predisposizione atti per la valutazione del Dirigente generale.

Procedure di determinazione degli obiettivi gestionali e dei soggetti responsabili

Rapporti con la dirigenza.

Redazione del Piano di lavoro dipartimentale.

Rilevazione della customer satisfaction ed elaborazione dati ai fini del miglioramento organizzativo Segreteria Consiglio Regionale Protezione Patrimonio Naturale;

Segreteria del Dirigente Generale

Valutazione del personale con incarico dirigenziale ex art 5 D.Lgs. 286/99,

Verifica degli atti posti alla firma del Dirigente Generale Predisposizione delle proposte di bilancio della Regione e relative variazioni, monitoraggio della gestione delle risorse finanziarie.

Repertorio del dipartimento

STAFF 2 DI MONITORAGGIO E CONTROLLO DEI FONDI STRUTTURALI E DEI LIVELLI DI ATTUAZIONE DELLA SPESA COMUNITARIA (UMC)

Monitoraggio dei fondi comunitari

Monitoraggio dei fondi non strutturali e adempimenti di rendicontazione e certificazione in raccordo al Servizio di gestione finanziaria

Controlli di primo livello per le azioni di competenza del corrispondente Centro di Responsabilità per il PO FESR 2014-2020, il PO FESR Sicilia 2007-13, per FSC e per il PAC: Verifiche amministrative rispetto a ciascuna domanda di rimborso presentata dai beneficiari, propedeutiche alla certificazione delle spese alla UE, verifiche sul posto delle operazioni (effettuate su base campionaria, con il supporto, per competenza, del Dipartimento Regionale Tecnico);

Validazione sul sistema Caronte dei dati di certificazione di spesa;

Controlli per gli interventi di Strumenti di Ingegneria Finanziaria (ove pertinenti);

Comunicazioni delle irregolarità;

Attività di competenza connesse alla chiusura dei Programmi Operativi.

STAFF 3 DI CONTROLLO INTERNO E ISPETTIVO

Attività ispettiva e controlli sugli adempimenti di competenza delle aree e servizi

Attività ispettiva e controlli sugli adempimenti di competenza delle aree e servizi per il rispetto dei termini dei procedimenti

Attività ispettiva e controlli per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza

Rapporti con gli Organi di Polizia Giudiziaria relativi agli accertamenti patrimoniali.

Organizzazione del sito internet-intranet

Referente per la comunicazione e la trasparenza.

Referente del Responsabile per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza

Richieste di accesso agli atti

AREE

AREA 1 AFFARI GENERALI e COMUNI

UOB A.1.1 Affari Generali e Comuni

Adempimenti successivi agli accertamenti giudiziari, atti di pignoramento e rapporti con Equitalia.

Altri affari generali del dipartimento;

Archivio generale.

Gestione amministrativa del personale di ruolo e non di ruolo.

Gestione delle risorse umane

Gestione presenze del personale, e adempimenti relativi e discendenti

Gestione sito internet - intranet e work flow documentale e account istituzionali di pertinenza del Dipartimento;

Missioni

Servizio uscierili e portineria.

Spese per missioni del personale in servizio presso il Dipartimento

Sviluppo risorse umane e coordinamento delle attività di formazione del personale.

UOB A.1.2 Logistica e Sicurezza Acquisto di beni e servizi.

Gestione delle utenze.

Attività del consegnatario.

Adempimenti connessi alla manutenzione ordinaria e riparazioni

Adempimenti connessi alle spese urgenti ed indifferibili per ripristino condizioni di igiene e sicurezza immobili, impianti ed attrezzature

Adempimenti connessi con la normativa sulla sicurezza dei lavoratori.

Altri affari comuni del dipartimento;

Certificazione crediti; fatturazione elettronica;

Gestione della posta in entrata, assegnazione e protocollo informatico.

Servizio spedizione.

Gestione logistica

Responsabile della prevenzione e sicurezza dei luoghi di lavoro.

Servizio di cassa.

Ufficio gare ed acquisti.

AREA 2 COORDINAMENTO UFFICI TERRITORIALI DELL'AMBIENTE (UTA)

Coordinamento amministrativo e logistico Uffici territoriali

Coordinamento delle attività dell'ARPA Sicilia nel settore specifico.

Gestione capitoli di spesa per assegnazione fondi agli uffici periferici e rendicontazione.

Gestione delle Conferenze di servizio per le autorizzazioni e per i pareri relativi

UOB A.2.1 Ufficio Territoriale Ambiente - Trapani

UOB A.2.2 Ufficio Territoriale Ambiente - Palermo

UOB A.2.3 Ufficio Territoriale Ambiente - Enna Caltannissetta

UOB A.2.4 Ufficio Territoriale Ambiente - Agrigento

UOB A.2.5 Ufficio Territoriale Ambiente - Siracusa

UOB A.2.6 Ufficio Territoriale Ambiente - Catania

UOB A.2.7 Ufficio Territoriale Ambiente - Messina

UOB A.2.8 Ufficio Territoriale Ambiente - Ragusa

Anticipata occupazione

Autorizzazione demaniale breve

Bilancio e contabilità relativi alla gestione dei canoni concessori e degli indennizzi di cui al cap. 2871 del Bilancio della Regione a norma del D.P.R. 684/77 e dell'art. 7 della L.R. 15/05;

Controlli e ispezioni

Iscrizione a ruolo demanio

Istruttoria subingresso

Istruttorie tecnico amministrative per emissioni provvedimenti concessori e autorizzativi ad esclusione degli ambiti portuali e di quelli assegnati al Servizio Gestione Nulla Osta Rilascio autorizzazione demaniale

Sanzioni amministrative

Approvazione dei progetti di recupero ambientale delle attività di cava (art. 19 L. 127/80).

Autorizzazione alle emissioni in atmosfera

Autorizzazione allo scarico delle acque termali

Autorizzazione allo scarico di reflui di provenienza dalle aree e dai nuclei di sviluppo industriale

Autorizzazione allo scarico per impianti che non recapitano in pubblica fognatura, ex art. 40, comma 1, della L.R. n. 27/86;

Autorizzazione allo scarico per impianti collegati al Sistema Idrico Integrato, ex art. 40 della L.R. 27/86 e art. 124 del D.Lgs. 152/06.

Autorizzazione degli scarichi in unità geologiche profonde

Autorizzazione integrata ambientale di competenza regionale ex D.Lgs. 152/06 e ss.mm.ii.

Autorizzazione Unica Ambientale ex L. n. 35 del 4 aprile 2012 (AUA).

Autorizzazioni al riutilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura

Autorizzazioni alle emissioni in atmosfera ex D.Lgs. 152/2006 e predisposizione dei provvedimenti per le autorizzazioni alle emissioni in atmosfera ex art. 269 del D.Lgs. 152/2006:

Autorizzazioni per gli interventi di tutela della fascia costiera (art. 21 L. 179/2002).

Autorizzazioni per la posa in mare di cavi e condotte e l'immersione di materiale da escavo (art. 109 D.Lgs. n. 152/06 e s.m.i.).

Gestione dei capitoli del bilancio regionale inerenti le verifiche ispettive;

Parere emissioni in atmosfera per finalizzato al rilascio dell'Autorizzazione Unica Ambientale (A.U.A.)

Parere emissioni in atmosfera finalizzato al rilascio dell'Autorizzazione Integrata Ambientale (A.I.A.)

Parere preventivo per il rilascio dell'autorizzazione allo scarico

Pareri sullo smaltimento delle acque meteoriche di dilavamento

Provvedimenti relativi alle autorizzazione alle emissioni in atmosfera ex art. 269 del D.Lgs. 152/2006 e competenti attività istruttorie

Verifiche ispettive al fine di accertare l'adeguatezza della politica di prevenzione degli incidenti rilevanti posta in atto dai gestori e dei relativi sistemi di gestione della sicurezza;

AREA 3 AFFARI LEGALI E CONTENZIOSO

UOB A.3.1 Affari Legali e Giuridici

Ufficiale rogante.

Adempimenti e consulenza giuridici nelle attività di coordinamento delle strutture intermedie.

Adempimenti in ordine ai rapporti con magistratura ordinaria e speciale, ivi compresa la Corte dei Conti, organismi di polizia e prefettura e tenuta schedario provvedimenti esecutivi

Richiesta di pareri alle autorità amministrative indipendenti ed al CGA ai sensi dell'art. 32 della L.R. 6/97.

Supporto legale al dirigente generale nei contenziosi afferenti le materie di competenza del Dipartimento

Coordinamento per la definizione degli schemi dei provvedimenti normativi ed amministrativi

UOB A.3.2 Contenzioso

Gestione coordinamento amministrativo contenzioso di competenza del Dipartimento, liti ed arbitraggi.

Ricorsi avverso determinazioni canoni o indennità di abusiva occupazione

Ricorsi avverso ingiunzioni di sgombero

Ricorsi, contenzioso e sanzioni del Demanio Marittimo.

Spese per liti, arbitraggi, risarcimenti ed accessori nonché per l'assistenza ai dipendenti ed ai p. a. (spese obbligatorie)

SERVIZI

SERVIZIO 1 VALUTAZIONI AMBIENTALI

UOB S.1.1 Valutazione Ambientale Strategica

Attività connesse agli adempimenti dell'Autorità Ambientale e segreteria tecnica Commissione VIA VAS regionale

Parere regionale su piani e programmi di competenza nazionale. Indicatori ambientali e di sviluppo sostenibili per la procedure di V.A.S.

Relazione sullo stato dell'ambiente.

Valutazione Ambientale Strategica

Verifica di Assoggettabilità alla Valutazione Ambientale Strategica

UOB S.1.2 Valutazione Integrata Ambientale

Predisposizione pareri regionali finalizzati alla pronuncia di compatibilità ambientale per la V.I.A Nazionale

Pronuncia di compatibilità ambientale e procedura di verifica di competenza per le procedure di cui al Titolo III del D.Lgs. n. 152/06

Valutazione del pregiudizio ambientale per le attività di competenza (art. 29 D.Lgs. n. 152/06 e s.m.i.).

Valutazione d'Impatto Ambientale

Verifica di Assoggettabilità alla Valutazione d'Impatto Ambientale

UOB S.1.3 Valutazione Incidenza Ambientale

Pareri preliminari alla valutazione d'incidenza

Valutazione d'incidenza.

Valutazione di incidenza su programmi, piani e progetti di competenza del Servizio.

Valutazione d'Incidenza in via sostitutiva

SERVIZIO 2 PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE AMBIENTALE

UOB S.2.1 Pianificazione e Programmazione tutela da inquinamento

Attuazione del D.P.C.M. 8 luglio 2003 per il raggiungimento degli obiettivi di qualità per la protezione dai campi elettromagnetici

Competenze residuali art. 161 L.R. 25/93, programmazione interventi recupero ambientale

Impianti a rischio di incidente rilevante ex D.Lgs. n. 334/1999 "Attuazione della direttiva 96/82/CE relativa al controllo dei pericoli di incidente rilevante connessi con determinate sostanze pericolose" e ss.mm.ii. (Seveso)

Osservatorio regionale permanente sul rischio industriale di cui al Decreto ARTA n. 884/2003; attività presso il Comitato tecnico regionale ex art. - 19 D.Lgs. n. 334/99 e ss.mm.ii.

Piani di gestione della qualità dell'aria ed attività connesse con l'applicazione del D.Lgs. 155/2010 e altre norme di settore correlate.

Piani di risanamento ambientale delle aree ad elevato rischio di crisi ambientale individuate con delibera del Consiglio dei Ministri ai sensi dell'art 7 della legge 349/86;

Piani di risanamento dall'inquinamento acustico ed elettromagnetico - adempimenti relativi a catasto e fonti Pianificazione impianti a rischio di incidente rilevante ex D.Lgs. n. 334/1999 "Attuazione della direttiva 96/82/CE relativa al controllo dei pericoli di incidente rilevante connessi con determinate sostanze pericolose"

Piano della Qualità dell'Aria

Programmazione interventi in zone e/o agglomerati

Recepimento L. 447/1995; Applicazione D.Lgs. 194/2005 per la determinazione e la gestione del rumore ambientale;

Supporto alla Commissione istituita dall'Assessore per la definizione del Programma di finanziamento con individuazione dei beneficiari

Valutazione impatto inquinanti atmosferici sulla biodiversità e sugli ecosistemi.

UOB S.2.2 Pianificazione e Programmazione assetto del territorio

Piani di Utilizzo del Demanio Marittimo: approvazione, aggiornamenti, atti di indirizzo.

Piano di utilizzo delle terre.

Sdemanializzazione Sistema informativo del demanio marittimo (SEDERSI).

Studi e cartografie tematiche.

UOB S.2.3 Pianificazione e Programmazione Tutela del Territorio

Affari relativi alle riserve marine

Attività tecniche relative all'istituzione dei Parchi nazionali che intercettano i siti Natura 2000.

Azioni di promozione e divulgazione dei valori naturalistici e della biodiversità presenti sul territorio regionale, delle attività svolte in materia di protezione del patrimonio naturale e del sistema regionale delle aree protette.

Coordinamento attività di educazione ambientale (INFEA). Direttiva sulla strategia dell'ambiente marino.

Geositi ex L.R. 25/2012; Centro documentazione Geositi; Segreteria del comitato tecnico scientifico Geositi. Gestione protocollo ABIES Ministero Ambiente

Monitoraggio della Biodiversità.

Norme di salvaguardia del Parco in Zone A, B, C: istruttoria tecnica e provvedimento finale

Norme di salvaguardia nelle Riserve in zone A e B istruttorie tecniche e provvedimenti finali

Piani di gestione di SIC, ZPS e corridoi ecologici.

Pianificazione e aggiornamento della Rete ecologica siciliana nella rete natura 2000

Pianificazione in materia di aree naturali protette (parchi regionali, parchi nazionali, riserve, aree marine protette).

Pianificazione rete natura 2000

Programmazione e gestione operativa relativa alle riserve naturali;

Rapporti con il coordinamento nazionale e Processi di Agenda 21 locali (delibera CIPE 28 dicembre 1993).

Studio e programmazione degli interventi in materia ambientale inerenti lo sviluppo sostenibile, le eco innovazioni, la programmazione dei regimi di aiuto.

SERVIZIO 3 GESTIONE TECNICO AMMINISTRATIVA INTERVENTI AMBIENTALI

UOB S.3.1 Gestione e Attuazione Tutela da Inquinamento

Coordinamento e raccordo con gli U.T.A. per le autorizzazioni e pareri

Coordinamento e segreteria Commissione per valutazione titoli per rilascio dell'attestato di tecnico competente in acustica ex art. 2 L. 447/1995 e rilascio dell'atto, istituita con D.A. 1397 del 4 dicembre 2008.

Istruttoria tecnica e amministrativa dei progetti derivanti da convenzioni con ARPA Piani di risanamento dall'inquinamento acustico ed elettromagnetico - adempimenti relativi a vigilanza

Rilascio attestato per tecnico competente in acustica

UOB S.3.2 Gestione e Attuazione Assetto del Territorio

Adempimenti relativi al D.P.R. 509/97 come recepito dall'art. 75 della L.R. n. 4/2003.

Adempimenti relativi alla legge 15/2005

Autorizzazione affidamento in gestione

Consegna aree DEMANIALI

Coordinamento e raccordo con gli U.T.A. per gli affari del Demanio Marittimo e rapporti con le Capitanerie di Porto.

Delimitazione Gestione amministrativa delle infrastrutture portuali;

Ingiunzioni di pagamento

Ingiunzioni di sgombero

Istruttoria rilascio concessione demaniale marittima per la realizzazione di porti turistici

Istruttoria rilascio concessione demaniale per licenza

Mandati di pagamento

Manutenzione dei beni e delle pertinenze demaniali

Nulla osta ex art. 18 quinques L. 109/94 come recepite e modificata dalla L.R. n. 7/2002 e dalla L.R. n. 7/2003;

Ordinanze di balneazione.

Pareri ed autorizzazioni ai sensi dell'art. 55 C.N. per opere pubbliche e private nel demanio marittimo e relativa consegna delle aree demaniali marittime ex art. 34 C.N e 36 R.C.N.;

Provvedimenti concernenti gli affari sul demanio marittimo ex Codice Navigazione e Reg. C.N. relativi agli ambiti portuali;

Provvedimenti di revoca e decadenza delle concessioni. Repertorio delle concessioni.

Rilascio concessione demaniale marittima per la realizzazione di porti turistici.

Rilascio concessione demaniale per atto formale.

Rilascio concessione demaniale per licenza.

Rilascio pareri per l'approvazione dei progetti inerenti le infrastrutture portuali turistiche.

Rimborsi canone

Sopralluoghi e controlli sull'attuazione degli interventi

Subingresso

UOB S.3.2 Gestione e Attuazione Tutela del Territorio

Affari relativi ai Parchi e alle Riserve naturali

Attuazione piani di gestione e affari relativi ai SIC e ZPS.

Gestione aree naturali protette (parchi regionali, parchi nazionali, riserve, SIC, ZPS e corridoi ecologici).

Gestione parchi urbani e suburbani

Istruttorie interventi ricadenti nei parchi e nelle riserve naturali di competenza dell'ARTA

Istruttorie per il CRPPN;

Istruttorie richieste N.O. in sanatoria di immobili ricadenti nelle aree naturali protette siciliane.

Nulla Osta per interventi ricadenti nelle aree naturali protette siciliane;

Pareri CRPPN Pareri previsti nella procedura della valutazione di incidenza.

SERVIZIO 4 GESTIONE FINANZIARIA INTERVENTI AMBIENTALI

UOB S.4.1 Gestione Fondi UE a titolarità regionale

Attuazione delle linee di intervento relativi ai fondi di cui al PO-FESR

Gestione finanziaria degli interventi in materia di difesa del suolo, idrogeologica e difesa delle coste ex art. 10 L. 183/89 e legge n. 267/98.:

Gestione finanziaria degli interventi in materia difesa delle coste ex art. 3, lettera g. della L. 183/89 e legge n. 267/98.

Gestione finanziaria delle strategie ambientali e territoriali inerenti la programmazione unitaria dei programmi operativi FESR, FEARS, FEARS PSR,

Gestione finanziaria e attuazione obiettivi PO FESR2007/2013 2.3.1.B.b: Prevenzione dei fenomeni di desertificazione

Gestione finanziaria interventi a valere su fondi regionali, nazionali e comunitari

UOB S.4.2 Progetti Speciali

Attività di candidatura e gestione attività a valere dei singoli bandi e promozione delle reti partenariali,

Attività di promozione e coordinamento di programmi, progetti e processi finalizzati allo sviluppo sostenibile attraverso l'implementazione di politiche ambientali.

Gestione finanziaria attività di educazione ambientale (INFEA).

ISO 14001 - EMAS, Agenda 21 locale, GPP-Acquisti verdi, etc.

Progettazione integrata e attività del PO FESR (PIST, PISU).

Progettazione, attività e realizzazione dei Piani di sviluppo del POIN - PAIN.

Programmazione e coordinamento delle attività inerenti la cooperazione internazionale (INTERREG, P.O MED, ENPI) e il programma LEFE in coerenza con le strategie e gli obiettivi della programmazione unitaria 2007-2013.

UOB S.4.3 Ufficio Enti e Risorse regionali

Cap. 445201 - Restituzioni e rimborsi (spese obbligatorie)

Controllo atti degli Enti parco

Rapporti con la Ragioneria Centrale e coordinamento attività

Riparto risorse enti gestori di aree naturali protette.

Trasferimento somme agli Enti Parco e agli Enti Gestori delle Riserve Vigilanza e Controlli di legittimità ex art. 10 L.R. 71/95;

Vigilanza Enti Gestori Riserve - rendicontazioni

Vigilanza Enti Parco

Vigilanza sull'attività istituzionale dell'A.R.P.A. Sicilia;

Monitoraggio di tutte le entrate delle strutture intermedie del Dipartimento; elaborazione decreti di accertamento entrate;

UOB S.4.4 Gestione Fondi UE a regia regionale

Attuazione delle linee di intervento relativi ai fondi di cui al PO-FESR

Gestione finanziaria degli interventi in materia di difesa del suolo, idrogeologica e difesa delle coste ex art. 10 L. 183/89 e legge n. 267/98.:

Gestione finanziaria degli interventi in materia difesa delle coste ex art. 3, lettera g. della L. 183/89 e legge n. 267/98. Gestione finanziaria degli interventi relativi ai fondi di cui al PO-FESR 2007/2013

Gestione finanziaria delle strategie ambientali e territoriali inerenti la programmazione unitaria dei programmi operativi FESR, FEARS, FEARS PSR,

Gestione finanziaria e attuazione obiettivi PO FESR 2007/2013 2.3.1.B.b: Prevenzione dei fenomeni di desertificazione

Gestione finanziaria interventi a valere su fondi regionali, nazionali e comunitari

UOB S.4.4 Gestione sistemi e procedure di finanziamento

Attività di assistenza tecnica a valere dei programmi comunitari nazionali e regionali.

Elaborazione e aggiornamento piste di controllo, check list e modalità di alimentazione dei sistemi (CARONTE)

Gestione dei sistemi documentali e di archiviazione unica a supporto della rendicontazione

Monitoraggio e alimentazione dei sistemi di rendicontazione fisica e procedurale fondi comunitari

Monitoraggio e alimentazione dei sistemi di rendicontazione fisica e procedurale fondi nazionali

Monitoraggio e alimentazione dei sistemi di rendicontazione fisica e procedurale fondi regionali

Rapporti con ADA, Autorità di Certificazione e Autorità di Gestione ai fini del rispetto dei manuali delle procedure

Rapporti con UMC, Responsabili esterni delle operazioni

 

Allegato E

Tabella numerica riepilogativa

 

Assessorati e dipartimenti regionali

Strutture intermedie

Unità Operative di base

Totale

 

Aree

Servizi

 

 

Presidenza della Regione

 

 

 

 

Segreteria generale

4

8

7

19

Ufficio legislativo e legale

1

12

17

30

Dipartimento regionale della protezione civile

2

12

40

54

Dipartimento regionale della programmazione

8

5

20

33

Dipartimento regionale degli affari extraregionali

1

3

3

7

Dipartimento regionale autorità di bacino

2

5

9

16

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e delia pesca mediterranea

 

 

 

 

Dipartimento regionale dell'agricoltura

5

14

189

208

Dipartimento regionale dello sviluppo rurale e territoriale

3

16

64

83

Dipartimento regionale della pesca mediterranea

1

4

14

19

Assessorato regionale delle attività produttive

 

 

 

 

Dipartimento regionale delie attività produttive

3

10

4

17

Assessorato regionale delle autonomie locali e della funzione pubblica

 

 

 

 

Dipartimento regionale della funzione pubblica e del personale

1

19

16

36

Dipartimento regionale delle autonomie locali

1

5

3

9

Assessorato regionale dei beni culturali e dell'identità siciliana

 

 

 

 

Dipartimento regionale dei beni culturali e dell'identità siciliana

1

39

168

208

Assessorato regionale dell'economia

 

 

 

 

Dipartimento regionale del bilancio e del tesoro - Ragioneria generale della Regione

1

18

21

40

Dipartimento regionale delle finanze e del credito

1

8

17

26

Assessorato regionale dell'energia e dei servizi di pubblica utilità

 

 

 

 

Dipartimento regionale dell'acqua e dei rifiuti

2

8

23

33

Dipartimento regionale dell'energia

2

10

15

27

Assessorato regionale della famiglia, delle politiche sociali e lavoro

 

 

 

 

Dipartimento regionale della famiglia e delle politiche sociali

1

9

5

15

Dipartimento regionale del lavoro, dell'impiego, dell'orientamento, dei servizi e delle attività formative

3

27

76

106

Assessorato regionale delle infrastrutture e della mobilità

 

 

 

 

Dipartimento regionale delle infrastrutture, della mobilità e dei trasporti

6

20

42

68

Dipartimento regionale tecnico

5

22

120

147

Assessorato regionale dell'istruzione e della formazione professionale

 

 

 

 

Dipartimento regionale dell'istruzione e della formazione professionale

2

12

19

33

Assessorato regionale della salute

 

 

 

 

Dipartimento regionale per la pianificazione strategica

6

8

9

23

Dipartimento regionale per le attività sanitarie e Osservatorio epidemiologico

2

11

13

26

Assessorato regionale del territorio e dell'ambiente

 

 

 

 

Dipartimento regionale dell'ambiente

3

4

29

36

Dipartimento regionale dell'urbanistica

2

6

18

26

Comando del corpo forestale della Regione siciliana

3

16

48

67

Assessorato regionale del turismo, dello sport e dello spettacolo

 

 

 

 

Dipartimento regionale del turismo, dello sport e dello spettacolo

2

17

24

43

TOTALE

74

348

1033

1455